500 Miglia Indianapolis, Risultati gara: Montoya rivince dopo 15 anni [FOTO]

Resoconto della storica corsa americana

da , il

    Juan Pablo Montoya si aggiudica la 99^ edizione della storica 500 Miglia di Indianapolis 2015. L’ex driver della Formula 1 ha fatto una gara pazzesca dimostrando di essere ancora un grandissimo pilota. Durante le prove e le qualifiche non aveva mai dimostrato di avere un buon passo ma nella corsa si è letteralmente scatenato fino alla vittoria. Nelle prime fasi della gara è stato tamponato da Simona De Silvestro ed è dovuto rientrare ai box per riparare il posteriore. Gara compromessa e rientro in 30^ posizione. Da quel momento Montoya ha iniziato a spingere con una grinta e voglia incredibile, dimenticandosi di essere un 40 enne. Uno dopo l’altro ha superato tutti i suoi avversari, negli ultimi tre giri ha battagliato col suo compagno di squadra Will Power ed è riuscito nell’impresa di superarlo e ha conquistato la gara dopo 15 anni dalla prima e unica volta.

    Vittoria pazzesca

    Montoya ha bevuto dunque il latte della vittoria ed ha esultato per questa grandissima impresa sportiva. Sul podio con Montoya e Will Power è salito anche Charlie Kimball. Il pilota, rientrato in lizza per la vittoria in occasione della penultima Caution, ha provato a vincere beffando anche Scott Dixon, quarto al traguardo dopo essere stato tutta la gara tra i primi tre. Anche in gara, come in qualifica, non sono mancati gli incidenti: Sage Karam con Takuma Sato, Bryan Clauson finito a muro alla curva 4, Ed Carpenter in collisione con Oriol Servia. Intorno a 113 giro c’è stata una maxi carambola ai box quando James Davison ha urtato la vettura di Pippa Mann che a sua volta ha steso due meccanici. Infine, a 24 giri dal termine, Jack Hawksworth, Sebastian Saavedra e Stefano Coletti sono finiti in contatto. Ad avere la peggio è stato il colombiano, che è stato estratto con grande cautela dalla vettura.

    Classifica

    Prove: quanti incidenti

    La 500 Miglia di Indianapolis 2015 si è aperta col botto. Durante le qualifiche e le prove libere della 99^edizione della storica corsa statunitense è successo un po’ di tutto. Tre incidenti paurosi, ma per fortuna senza grosse conseguenze, hanno fatto spaventare gli organizzatori della manifestazione tanto da indire una conferenza stampa d’emergenza che invitava tutti i team a riportare le pressioni di sovralimentazione alla taratura standard in modo da aumentare il carico aerodinamico delle vetture e usare una sola specifica dei nuovi aero kit a disposizione. Questi cambiamenti per limitare la velocità delle vetture ed evitare che si verifichino altre episodi ed incidenti come in questi primi due giorni sull’ovale. Quest’anno la 500 Miglia di Indianapolis ha avuto un inizio inaspettato. Durante le prove libere e le qualifiche sono successi degli incidenti terribili. Piloti che perdono il controllo delle proprie monoposto, sbattono contro il muro e ‘decollano’, nel vero senso della parola, in aria. Questo ovviamente non dovrebbe succedere per l’incolumità del pilota dentro l’abitacolo ma purtroppo sta accadendo con costanza tanto da aver spaventato gli organizzatori. Probabilmente il nuovo ‘aero kits’, adottato dalla maggior parte delle vetture, non sta funzionando nel verso giusto e per questo motivo è stato indetto un comunicato che invitava i team ad utilizzare un’aerodinamica differente e specifiche più semplice per evitare tragedie. Queste modifiche hanno portato a dei cambiamenti significativi: Scott Dixon, che ha fatto registrare il giro più veloce durante le qualifiche e partirà dalla pole position, ha siglato il best lap ad una velocità di 226.760 miglia orarie, contro le oltre 233 fatte registrare il giorno precedente. Differenza evidente per regalare maggiore sicurezza ai piloti e al pubblico che seguirà da vicino l’evento. Per gli appassionati delle quattro ruote, la diretta della gara si potrà seguire Domenica 24 Maggio dalle ore 18.00 sul canale a pagamento di Fox Sports 2 HD.

    Resoconto delle qualifiche a pag.3

    Qualifiche

    In pole position scatterà dunque Scott Dixon. Il pilota del team Chip Ganassi ha guidato ad una velocità di 226.760 MPH e sarà in prima fila insieme ai due piloti della Roger Peske: Will Power 2° e Simon Pagenaud 3°. La seconda fila vedrà l’altra Ganassi di Tony Kanaan, che era risultato il più veloce della libere, Helio Castroneves 5° e il britannico Justin Wilson 6°. A completare il “Fast Nine Shootout”, ovvero lo schieramento dei nove piloti migliori ci hanno pensato: Sebastien Bourdais 7°, Marco Andretti 8° e Josef Newgarden 9°. Attardato l’attuale leader del campionato, Juan Pablo Montoya. L’ex pilota di Formula 1 che scatterà dalla quinta fila. Anche Ryan Hunter-Reay, vincitore della 98^ edizione della 500 Miglia di Indianapolis, partirà solo dalla sesta. Appuntamento dunque alle ore 18.00 di Domenica quando scatterà la 99^edizione della storica corsa americana.