800 folies!

Impressioni sulla nuova Ducati 800cc

da , il

    Dopo l’ultima doppietta in terra Valenciana nell’ultima gara di MotoGP con le ormai “vecchie” moto, l’ italianissima Ducati adesso non teme più nulla, neppure la neve.

    Capirossi saluta gioioso l’ultima gara 2006 e si appresta a salire ufficialmente sulla nuova moto durante le prossime prove sul circuito spagnolo di Jerez de la Frontera.

    L’entusiasmo regna sovrano a Borgo Panigale. Un entusiasmo che deve, però, essere contenuto per evitare di arenarsi sui risultati positivi e perdere di vista il futuro. La Ducati durante la stagione appena trascorsa si è subito portata avanti con il lavoro. La nuova moto, infatti, era già stta provata a Motegi e si dice che Gibernau abbia esclamato: “Va più forte della 990!”. 6000 km percorsi senza problemi rilevanti, un team più affitato che mai e tanto voglia di fare bene nel 2007.

    La moto convince e fa paura ai concorrenti, ma la pausa prima della nuova stagione 2007 già si annuncia ricca di sorprese.

    Preziosi, il direttore tecnico Ducati, racconta a La Gazzetta la sua soddisfazione per il nuovo progetto.

    Purtroppo noi non abbiamo piste private come i giapponesi - dice Preziosi – e il nostro debutto è stato ovviamente pubblico. Abbiamo girato per la prima volta a maggio al Mugello con Guareschi, ma non credo che i giapponesi siano arrivati più tardi. Anzi. Però noi abbiamo fatto parecchi test con i piloti ufficiali. La cosa interessante è stata che le impressioni di Vittoriano corrispondevano esattamente con quelle di Capirossi e Gibernau che l’hanno provata successivamente“.

    La moto non è cambiata molto perché non si sono presentati difetti gravi. E ci conforta il fatto che le nostre prestazioni siano già diventate un punto di riferimento. Loris a Brno ha replicato il suo secondo tempo della gara e Sete a Motegi è stato addirittura più veloce di quanto lo fosse stato con la 990“.

    E sul debutto di Casey Stoner, fresca sorpresa soprattutto di inizio campionato, Preziosi è positivo. “Ovviamente Casey è molto giovane e la sua esperienza sarà importante per lo sviluppo delle gomme. Anche se ognuno ha le sue preferenze come dimostra il fatto che Bayliss la domenica di Valencia ha usato una anteriore diversa da quella utilizzata da Capirossi“.

    E chi pensava che, dopo la fine del campionato 2006, ci sarebbe stato un pò di riposo per tutti, si sbagliava di grosso. Forse solo meno teleamere accese ogni 15 giorni circa, ma questo non significa nulla.

    Il grande teatro della MotoGP 2007 riaprirà il sipario il prossimo anno, ma i preparativi nel backstage corrono più veloce delle vecchie 990 cc.

    Forse proprio come la nuova Ducati.