Alonso-Ferrari: l’obiettivo è riaprire un ciclo

Stefano Domenicali commenta l'arrivo di Fernando Alonso in Ferrari raccontando i retroscena dell'ingaggio e le ambizioni legate al nuovo progetto

da , il

    La Ferrari punta su Fernando Alonso per ripartire. Non siamo come nel 2007 ma come nel 1996. Con la differenza che adesso c’è una squadra di prim’ordine che sa esattamente come si fa per vincere. Ne parla Stefano Domenicali, ben contento di metterci la faccia.

    ALONSO-FERRARI. “Siamo lieti di aver siglato questo accordo con Fernando, un pilota che non soltanto ha un grandissimo talento ma è anche un vincente, come ha dimostrato tante volte nella sua carriera, pure in condizioni difficili”, esordisce così Stefano Domenicali, entusiasta ed orgoglioso per aver portato a Maranello uno dei piloti più forti al mondo. Se non il più bravo di tutti. L’obiettivo dello spagnolo è semplice ma difficilissimo: riportare la Ferrari a lottare per il vertice. Sempre e comunque. “Tutti i grandi campioni vogliono venire a Maranello, prima o poi - prosegue Domenicali citando a sua volta il Presidente MontezemoloCon Fernando avevamo iniziato un discorso in prospettiva 2011 ma poi si sono create le condizioni per anticipare l’inizio del nostro rapporto già a partire dal prossimo campionato e abbiamo preferito cogliere questa opportunità”, ha spiegato.

    FERRARI 2010. A fianco di Fernando Alonso ci sarà Felipe Massa con Fisichella a fare da riserva. Il brasiliano continua a recuperare dall’incidente senza intoppi. “Crediamo che questa sia la coppia migliore per una squadra come la nostra: Fernando e Felipe sono due piloti vincenti e si integreranno bene fra loro e con il team” ha commentato il team principal del Cavallino nascondendo ai più la speranza che il nuovo arrivato possa da subito prendersi, per meriti sul campo, la palma di leader del box.

    KIMI RAIKKONEN. “Abbiamo parlato con Kimi e, di comune accordo, abbiamo deciso di interrompere con un anno di anticipo il rapporto contrattuale che ci lega” . Domenicali ha affrontato la spinosa questione del divorzio dal finlandese. La dirigenza Ferrari non dimentica che l’uomo di ghiaccio ha portato in bacheca un titolo mondiale al suo primo anno ed una numerosa serie di successo tra i quali l’unica della sfortunata stagione in corso. “Ha dato tanto alla Ferrari e tanto ha ricevuto - ha aggiunto il numero 1 della Gestione sportiva – Sono sicuro che ricorderà questo periodo trascorso insieme a noi come uno dei più belli della sua carriera così come noi lo ricorderemo con l’affetto e l’ammirazione dovuti a un pilota di straordinario talento e a un uomo sincero, trasparente e leale.” Anche per il biondo venuto dal nord, c’è uno spazio nella storia che nessuno mai gli potrà portare via. Ora, però, si volta pagina e si guarda al futuro. Con rinnovato ottimismo.