Un appello: «Schumacher decidi, adesso!»

da , il

    Michael Schumacher

    Il mercato piloti per il 2007 non solo è già iniziato, ma sta quasi terminando. Con Alonso già sistemato, se la trattativa Ferrari-Raikkonen venisse anticipata dalla Toyota, non resterebbero altri piloti di “prima fascia” liberi.

    Perciò proponiamo un appello. Per il bene della Ferrari e dei suoi di tifosi: «Schumacher decidi il tuo futuro al più presto!».

    Precisiamo che la nostra speranza è di vederlo non per uno, ma per altri dieci anni pista. Ma se non dovesse più sentirsela di correre, lo dica subito! La Ferrari infatti non può ancora programmare il destino dei suoi piloti perché in attesa della decisione del tedesco. Ma se il sette volte campione del mondo dovesse tardare, come pare certo, fino a metà del 2006 per far sapere se continuerà oppure no, a quel punto sarà troppo tardi per guardare verso altre soluzioni.

    Quindi, anche se non ne hanno bisogno, ci sentiamo di dare un consiglio ai dirigenti della Rossa: dato che le condizioni del mercato piloti si sono modificate, non si può aspettare altri mesi come previsto in precedenza. C’è bisogno di chiarire immediatamente la situazione con Schumacher.

    O il tedesco dice cosa vuole fare e libera definitivamente la trattativa con Raikkonen prima che qualcuno – Toyota in primis – lo “scippi” ai piani di Maranello. Oppure resta ancora per qualche anno, risolvendo automaticamente il problema della prima guida senza bisogno di chiamare nessun’altro.

    Una terza via possibile sarebbe quella di intavolare la trattativa con Raikkonen indipendentemente dalla decisione di Schumy, anche a rischio che nel 2007 lui decida di restare (e debba, eventualmente, convivere proprio con il finlandese). Quest’ultima scelta sarebbe addirittura la migliore. Ma in Ferrari sanno che non può essere fatta. Saggiamente non verrà fatta, perché Schumacher non resterebbe in coppia con Raikkonen anche se avesse deciso di continuare a correre. Siccome pensiamo che il tedesco sia ancora meglio del finlandese, non è sensato rischiare di perderlo a favore di quest’ultimo

    Per questo motivo c’è bisogno di metterlo di fronte alle sue responsabilità mostrandogli che, aspettando la sua scelta, potrebbe scappare l’unico pilota rimasto che può in qualche modo valere quasi quanto lui. E a quel punto per Schumy sarà difficile dire “mi dispiace ma voglio pensarci ancora…”

    Riassumendo: o lui resta e la Ferrari fa a meno di Raikkonen sistemando la situazione prima guida per qualche altro anno, oppure il tedesco si fa da parte e dà il via libera all’accordo con il finlandese, da portare a termine al più presto. Non vi sono altre soluzioni. Pérché, come già detto, portare avanti la trattativa ignorando la decisione di Schumacher vorrebbe dire salutarlo a fine stagione indipendentemente dalla sua voglia di correre ancora (e su di lui c’è già in agguato la Red Bull!).