Aspettando Vito Antonio

da , il

    Vito Antonio Liuzzi

    D’accordo che c’abbiamo Jarno e Fisico. Ma se si pensa ad un giovane pilota su cui puntare per l’avvenire del tricolore, i riflettori sono tutti per Vito Antonio Liuzzi. Di lui sappiamo che è uno che ha il piede pesante e che non è capace a mettersi un berretto dritto sulla testa. Quest’ultimo sarà un vezzo, o una trovata per far sembrare più tenero uno che c’ha la faccia da duro?

    D’altronde si sa che in F1 il peso dell’immagine è importante tanto quanto quello del piede.Sulle sue prestazioni ci sorge solo un piccolo dubbio riguardante l’aver perso il ballottaggio con Klien durante la scorsa stagione. Ma vogliamo credere che sia dipeso dalla minore esperienza

    rispetto al compagno di squadra.Nato il 6 agosto 1981 a Locorotondo (Bari), nel palmares di Liuzzi ci sono già un campionato mondiale Kart (2001), il secondo posto nella F3000 internazionale (2003) e la vittoria assoluta con 7 successi (e 9 pole position!) su 10 gare dello stesso campionato nel 2004.Compatibilmente con le prestazioni della sua Toro Rosso (ex Minardi), dal 2006 ci aspettiamo molto da lui. Correrà con continuità e probabilmente con poca pressione, in un team giovane e con poche aspettative. Noi ci aspettiamo solo che surclassi il suo compagno di squadra Speed (proveniente dalla GP2) e si metta in luce per convincerci che di Valentino possiamo fare a meno… se abbiamo Vitantonio