Barrichello: pronto per tornare in Ferrari

Formula 1: Rubens Barrichello si candida per tornare in Ferrari

da , il

    Rubens Barrichello

    Della serie, fatti una domanda e datti una risposta. Rubens Barrichello, trovatosi lo scorso inverno fuori dalla Formula 1 dopo 19 stagioni e con 39 primavere sulle spalle ha appena iniziato una seconda vita nella Indycar . Non per questo dimentica la sua vera passione del Circus iridato. Curiosamente, il pilota brasiliano aveva incitato il connazionale Felipe Massa nei giorni scorsi. Ora, invece, se ne esce con una candidatura alquanto curiosa per un sedile in quel di Maranello:“Se mi chiamassero oggi per guidare per loro, accetterei”, ha dichiarato alla Tv brasiliana riferendosi alla Ferrari. “E’ stato il miglior team per cui ho guidato ma non nego ci siano stati episodi spiacevoli”. ha aggiunto.

    Rubens Barricello: mai dire mai

    Il 2012 di Rubens Barrichello, come detto, è in Indycar. “Può accadere di tutto - ha precisato il pilota di Interlagos - devo farmi trovare pronto”. per Rubinho non ci sono problemi nell’ammettere che la categoria americana è per lui un ripiego:“Ho detto ad Ecclestone che sarei andato in Indycar perché lui non mi ha trovato un posto in F1 - ha scherzato – e lui mi ha risposto che proverà a fare il possibile. Io mi farò trovare pronto”, ha concluso.

    Massa-Barrichello: Brasile forever

    Pensare ad un cambio tra Massa e Barrichello in Ferrari è pura follia. I due sono brasiliani e questo non andrebbe ad intaccare gli equilibri commerciali degli investimenti FIAT nel Paese sudamericano. Ma anche solo ipotizzare la cosa è terreno per gli amanti della fantascienza. Evidentemente la candidatura di Rubinho serve solo per smuovere le acque nella speranza che qualche team minore si ricordi dei suoi trascorsi gloriosi. A proposito del più giovane collega, attualmente in crisi nera, Barrichello aveva dichiarato:“Non ha problemi di velocità. E’ solo un momento negativo. La Formula 1 vive di cicli e lui è in una fase non buona dalla quale deve uscire da solo” Ripensando ai suoi tempi ed alla difficile convivenza con il boss del team Michael Schumacher, il 39enne carioca ha aggiunto:“La Ferrari adora Alonso perché è uno dei migliori. Felipe ha un grosso ostacolo da superare”.

    Alonso: Twitter che spettacolo

    Abbiamo presentato nei giorni scorsi il profilo Twitter d Fernando Alonso. Lo spagnolo c’ha preso gusto mettendosi con impegno a raccontare la sua vita al di fuori delle corse e rispondendo alle tante domande dei tifosi. “Tutti i messaggi sono miei, quelli belli e quelli brutti: non lascerei mai farlo fare a nessun altro”, precisa l’asso di Oviedo. E sull’idea di convertirsi anche lui ai social network dopo un iniziale scetticismo, si giustifica così:“Negli ultimi mesi c’è stata una grande confusione, del tutto non necessaria, in merito a dove stavo, con chi e perché. Tutti si sono sentiti liberi di parlarne, anche se non era vero, e ciò confondeva voi, i tifosi, quelli che seguono la mia carriera. Peraltro, credo che sia un modo divertente di usare i social network. E’ il mio punto di vista, quello che vedo durante i miei viaggi e i miei allenamenti e chi lo trova interessante sarà in grado di leggerlo. E’ anche vero che Raquel del Rosario ha provato a lungo a convincermi a fare questo passo: lei sa quanto sia impegnativa e professionale la vita di un pilota e quando poco se ne conosce.”