Anche Barrichello ci dà ragione

da , il

    Rubens Barrichello

    Rubens Barrichello pare abbia sentito le nostre parole. Con uno stupefacente tempismo, dopo le dichiarazioni di qualche giorno fa tutt’altro che lusinghiere nei confronti della Ferrari, il pilota brasiliano corregge un po’ il tiro ammettendo che Schumacher gli è un gradino superiore. Non solo a lui, ma anche a tutti gli altri piloti di F1 degli ultimi tempi.

    In un’intervista ad Autosport, il pilota di San Paolo ha dichiarato che considerando il talento puro nessuno eguaglia Michael Schumacher. E, al riguardo del suo addio dalla Ferrari, ha ammesso che tra le cause vi è stata la consapevolezza che dopo tanti anni non era ancora riuscito a diventare protagonista. Da qui la decisione di provare da un’altra parte convivendo con nuovi stimoli e cullando nuove speranze. Soprattutto senza Lo scomodo compagno di squadra.

    Il brasiliano ha tenuto a ribadire la sua ormai nota opinione che con lo stesso supporto del tedesco, anche lui sarebbe stato in grado di dire la sua. Ma dovendo scegliere una prima guida, non c’è da stupirsi che in Ferrari abbiano scelto di puntare sul migliore. Casomai è criticabile la scelta di dare ordini di scuderia anziché piena libertà come accade storicamente nei team anglosassoni. C’è da ricordare, però, che più di una volta le scelte troppo “libertine” hanno causato clamorosi insuccessi nei team che le hanno adottate.