Ben Spies: e ora sfida a Valentino Rossi

In Superbike abbiamo assistito al trionfo di Texas Terror

da , il

    L’americano Ben Spies ha dominato e vinto il titolo mondiale nell’anno del suo debutto, dimostrando di essere uno dei giovani piloti più forti e talentuosi in circolazione. E la Yamaha non ha perso tempo: lo vedremo in MotoGP già nel 2010 e il texano promette gran duello con Valentino Rossi.

    In Superbike abbiamo assistito al trionfo di Texas Terror. A Portimao lo statunitense Ben Spies si laureato campione del mondo Superbike. In Portogallo l’americano vince Gara 1 e poi in Gara2 gestisce in scioltezza il vantaggio di 10 punti su Noriyuki Haga, frutto di una caduta del giapponese durante la prima frazione.

    E’ stata una giornata spettacolare e non finirò mai di ringraziare tutti quelli che mi hanno aiutato a raggiungere questo risultato. Voglio ringraziare la Yamaha per avermi dato una moto vincente,” ha dichiarato Spies al termine della corsa, “E’ stato incredibile vincere per Yamaha, soprattutto nel mio primo anno in Superbike.

    Ben Spies, approdato nel Mondiale SBK dopo aver conquistato tre titoli consecutivi nella serie AMA Superbike (il campionato nazionale americano) ha meritato ampiamente la vittoria finale: ha vinto più GP di Haga (14 centri contro gli otto del ducatista) e di sicuro avrebbe chiuso prima il discorso se la sua Yamaha si fosse fermata per problemi meccanici per ben cinque (5!) volte.

    Quattro titoli in quattro anni. Un mondiale vinto da esordiente. Velocità, tenacia e passione. Vi ricorda qualcuno? Forse la MotoGP ha trovato il vero erede di Valentino Rossi.

    Lo scopriremo presto, visto che nelle prossime due stagioni Spies correrà in MotoGP nel Team Tech 3. Ma potremo gustarci un duello Dottore vs. Texas Terror già tra tre settimana a Valencia, dove lo statunitense correrà come wildcard della Yamaha.