BMW Sauber F1-08: lassù qualcuno trema?

BMW Sauber F1-08: lassù qualcuno trema? il team bavarese sta crescendo fortemente e con due bravissimi piloti come nick heidfeld e robert kubica potrebbe impensierire presto ferrari e mclaren per la lotta al titolo mondiale piloti e quello costruttori

da , il

    BMW Sauber F1-08: lassù qualcuno trema?

    Presentata nel primo pomeriggio a Monaco di Baviera la BMW Sauber F1.08. La vettura rompe col passato e, dopo una monoposto conservativa ma capace di far diventare la casa tedesca stabile terza forza del mondiale, a Monaco si giocano la carta della novità per provare a fare un ulteriore salto di qualità.

    “Sarà difficilissimo migliorarsi - tiene subito a specificare Mario Theissen – i due team che ci hanno precedeuto nel 2007 continueranno a fare grandi progressi e andare più veloci di loro è una grande impresa. Ciò che abbiamo saputo fare negli ultimi due anni, però, ci dà grande fiducia nei nostri mezzi e sui nostri due piloti. Robert e Nick sono i migliori e saranno in grado di trarre il massimo dalla monoposto”

    Alla vigilia della cerimonia di presentazione Nick Heidfeld aveva anticipato che la vettura avrebbe stupito molti. In effetti si intravedono soluzioni nuove e molto interessanti. Colpisce, in particolare, la tripla ala anteriore molto più bassa rispetto a quelle già svelate di Ferrari, McLaren e Toyota.

    “Le componenti del muso andavano prese in considerazione in modo unitario – ha affermato Willy Rampf – perché le parti devono interagire tra loro per ottenere il massimo dell’efficienza. I nostri sforzi, come è ben visibile, si sono concentrati sul telaio e sull’aerodinamica che, in termini di prestazioni, sono gli aspetti che racchiudono il maggior potenziale utile.

    Il responsabile del progetto ha spiegato che i concetti dello scorso anno sono stati rivisti al fine di costruire una vettura che avesse la massima aderenza meccanica, un efficace aerodinamica e un bilanciamento tale che l’appoggio in curva dia una certa sicurezza ai piloti.

    “La grande stagione 2007 che abbiamo disputato - conclude Rampf – ci ha dato grande fiducia e ci ha portato ad introdurre molte soluzioni innovative. I dati che abbiamo raccolto, poi, ci dicono che abbiamo fatto un buon lavoro e ci rendono ottimisti”.

    Chi pensava che la BMW sarebbe stata cauta e guardinga per cercare di difendere il suo terzo posto dagli attacchi di concorrenti ben attrezzate come Renault, Honda, Red Bull, Toyota e Williams si è trovato completamente spiazzato. Gasati per le ottime prestazioni del 2007, a Monaco si sono messi in testa la pazza idea di dar fastidio ai pezzi grossi.

    E a questo punto, attenderemo con ansia il responso della pista per sapere se qualcuno lassù… inizierà a tremare.