BMW Sauber F1.09: presentazione audace

Presentazione a Valencia della BMW Sauber F1

da , il

    La BMW Sauber pensa in grande e non nasconde le proprie ambizioni già dalla presentazione della F1.09. Dopo 3 stagioni in costante crescita, secondo Mario Theissen, il 2009 rappresenterà l’anno della consacrazione, sarà la stagione del primo titolo mondiale.

    TABELLA DI MARCIA. Esordisce forte Mario Theissen: “Vogliamo il titolo. Come dice Obama: ‘Yes We Can’”. Il boss BMW è fiero della squadra, del lavoro svolto e punta tutto sulla programmazione:“Finora abbiamo mantenuto i nostri impegni. L’anno scorso abbiamo ottenuto il terzo posto come costruttori, quest’anno speriamo di avere una vettura competitiva per la vittoria finale”. Theissen spiega che l’ottimismo gli deriva da un’oculata gestione delle risorse ed un’interpretazione dei regolamenti 2009 iniziata con largo anticipo. Non a caso, sono stati loro i primi a far vedere alla F1 cosa fosse il KERS ed i primi, assieme alla Williams, a portare in pista le vistosissime nuove ali anteriori:“Con il 2008 si è chiusa l’epoca delle enormi spese, è una vera svolta. Noi lo avevamo già previsto, in un certo senso, e abbiamo impostato la squadra in maniera diversa già alcuni anni fa. Non siamo mai stati i primi per denaro speso, abbiamo provato a mantenere l’originaria efficienza del team Sauber e ora siamo pronti”.

    KUBICA PUNTA DI DIAMANTE. La voglia di partire in largo anticipo con lo studio della vettura 2009 ha fatto trascurare nelle ultime fasi del campionato scorso lo sviluppo della F1.08. Il più deluso per questo trattamento è stato Robert Kubica che non solo non si è più potuto giocare le sue carte per la comunque difficile vittoria finale, ma non ha potuto neanche guardarsi le spalle dal ritorno di Kimi Raikkonen per il terzo posto in classifica. Ad ogni modo, l’amarezza nei confronti del team sembra messa definitivamente alle spalle e per il pilota di Cracovia conta solo ciò che deve ancora arrvare:“La meccanica avra’ un influsso molto maggiore dell?aerodinamica che, comunque, continuerà ad avere un ruolo molto importante - spiega il polacco che non si aspetta grosse sorprese in termini di livellamento delle prestazioni – Mi aspetto differenze molto sensibili tra le diverse vetture, soprattutto all?inizio della stagione”. Quanto alle novità del 2009, su tutte Kubica cita gomme e Kers:“Il ritorno delle gomme slick e’ una delle modifiche migliori degli ultimi anni nella Formula 1. Penso che tutti i piloti preferiscano le gomme slick a quelle scanalate e siano soddisfatti della decisione. L?introduzione della tecnica KERS rappresenta a sua volta un grande cambiamento. Ma al momento e’ ancora difficile dire quanto influira’ sulla guida”.

    F1.09. “Siamo partiti veramente da un foglio bianco - spiega il direttore tecnico Willy Rampf mentre mostra con orgoglio la sua ultima creatura – Poiche’ la vettura e’ molto diversa da quella che l’ha preceduta, abbiamo iniziato a lavorare alle prime idee in febbraio, due mesi prima del normale”. Il responsabile dell’area tecnica della casa di Monaco ha spiegato che il progetto si è mosso contemporaneamente lungo tre direttrici quali aerodinamica, utilizzo delle gomme ottimale e Kers. Soprattutto su quest’ultimo aspetto, a differenza di altre squadre come Renault e Ferrari, la BMW ripone particolari aspettative:“Lo sviluppo del KERS vedrà la F1 nel ruolo di pioniere rispetto all’adozione di tecnologie per la produzione di serie. La F1 darà il via allo sviluppo di una serie di idee che non hanno ancora raggiunto il livello di affidabilità richiesto per le vetture di serie e questo sviluppo procederà a piena velocità” ha concluso Mario Theissen.

    DEBUTTO. Smaltita la cerimonia di presentazione avvenuta non a caso sul circuito di Valencia, la vettura ha avuto anche l’immediato battesimo della pista con Robert Kubica. Non incappato nella pioggia, il pilota polacco si è lamentato per lo scarso grip della pista ma si è detto molto soddisfatto dei 73 giri compiuti:“E’ stato un buon debutto senza problemi tecnici e abbiamo già imparato qualcosa sulla nuova macchina”.