Briatore butta la R27 e punta tutto sul 2008

Sono passate 3 gare, poche per dare dei giudizi

da , il

    Flavio Briatore Renault F1

    Sono passate 3 gare, poche per dare dei giudizi. Sufficienti, però, a Flavio Briatore e a quelli della Renault per capire che questo non sarà l’anno giusto.

    Tanto vale, allora, lasciar perdere da subito e pensare al 2008. Almeno così, non si faranno trovare impreparati.

    Temevano alla Renault il passaggio alle Bridgestone. Lo temevano evidentemente più di tutti. Tant’è che hanno deciso di progettare una vettura 2007 troppo simile a quella 2006. Nelle loro intenzioni, questa scelta avrebbe pagato perché, a parità di macchina, avrebbero capito meglio le differenze tra Bridgestone e Michelin e, conseguentemente, avrebbero avuto più chiaro il percorso da compiere per creare una monoposto competitiva.

    Non avevano fatto i conti, però, con il tempo: scarso.

    E con gli avversari: Ferrari d’accordo, ma anche McLaren e BMW che si sono mostrate più reattive nel passaggio agli pneumatici giapponesi.

    Alla Renault, invece, sono ancora lì con delle Bridgestone troppo scivolose per pensare in una rimonta e con troppe cose che non vanno per trovare facilmente il bandolo della matassa.

    Tanto vale, quindi, tenersi questa macchina com’è e ripartire da zero per il 2008. Molto meglio non perdere altro tempo a sviluppare inutilmente la vettura del 2007 per poi ritorvarsi nel 2008 ancora una volta a ricorrere.

    Meglio anticipare, semmai. E’ questo quello che hanno pensato Briatore e compagni, come conferma lo stesso manager piemontese ad Autosprint:“Stiamo lavorando già sulla vettura del 2008. Ormai puntiamo direttamente alla prossima stagione. Ciò non toglie che le nuove scoperte le applicheremo anche alla vettura attuale, ma quando un progetto nasce male è meglio voltare pagina a guardare avanti. In fin dei conti ci poteva stare un anno al di sotto dei precedenti. Anche Ferrari e McLaren hanno accusato dei cali, non dimentichiamolo. Fa parte dei normali cicli dello sport”.