Briatore: la ricetta per lo spettacolo è F1 = GP2

Flavio Briatore, intervistato da Auto Motor und Sport, parla ancora di spettacolo in Formula 1 e riprende il suo ridicolo filone “rivoluzionario”

da , il

    Flavio Briatore

    Flavio Briatore, intervistato da Auto Motor und Sport, parla ancora di spettacolo in Formula 1 e riprende il suo ridicolo filone “rivoluzionario”.

    La sua ultima proposta è quella di copiare la GP2 Series, dividendo il Gran Premio in due manche più brevi.

    “Se si vuole vedere spettacolo in Formula 1 - ha spiegato il manager della Renault – si deve prendere spunto da dove lo spettacolo già esiste. Se organizzassimo due gare la domenica come in GP2 sarebbe molto più divertente per la gente. Si potrebbe fare una corsa al mattino più veloce ed una il pomeriggio più lunga e, a quel punto, si potrebbe far partire nella seconda gara con le posizioni invertite rispetto alla prima”.

    “Il problema – ha concluso Briatore – è che in Formula 1 si spende un’enormità di soldi in ricerca e tecnologia, ma non si pensa mai allo spettacolo!”.

    Quello che andrebbe spiegato a Briatore è che se uno vuole vedere lo spettacolo, può tranquillamente andare al circo. Il Circus è un altra cosa. E’ soprattutto tecnologia, è regolamento ferreo, è un confronto di abilità dove il migliore deve vincere. Non è una lotteria.

    E se le corse di Formula 1 si chiamano GRAN Premio (e non “piccoli” Premi) è proprio perché la corsa è lunga ed è una sola!

    Se vuole fare altro, si inventi la GP1, la copi dalla GP2, e la faccia diventare il Wrestling delle corse. Tanto spettacolo ma poca sostanza. Il pubblico che se lo merita, se ne compiacerà sicuramente.