Flavio, povero e vincente

Flavio Briatore non perde occasione per ricordare che i suoi successi hanno persino maggior valore di quelli conquistati dalla concorrenza

da , il

    Flavio Briatore

    Flavio Briatore non perde occasione per ricordare che i suoi successi hanno persino maggior valore di quelli conquistati dalla concorrenza.

    Secondo il piemontese, infatti, un conto è vincere con budget come quelli di Ferrari, McLaren Honda o Toyota, un altro discorso è farlo con la Renault che mette sul piatto il quinto budget della Formula 1.

    La faccenda deve stargli davvero molto a cuore e, come dicevamo, non perde occasione per ricordare i suoi limitati mezzi a disposizione. Stavolta il pretesto perfetto è stato il nuovo motorhome che la Red Bull ha presentato due domeniche fa ad Imola.

    Il team austriaco ha portato nel paddock una maxi-struttura da 9 milioni di dollari che accoglie sia il team maggiore che la Toro Rosso.

    Commentando la faraonica architettura Flavio Briatore ha voluto immediatamente ricordare che:«Bisogna anche vincere, non solo guadagnare l’attenzione. L’Energy Center della Red Bull è costato 9 milioni di dollari americani mentre il nostro ne è costati solo 2, ed è vecchio di 5 anni! Ma - ha aggiunto il manager Renault - siamo campioni del mondo e sono contento così! Preferisco spendere i soldi nel team…»

    Be’, a dirla tutta, l’impressione è che – come suo solito – Briatore voglia per forza passare per il più furbo della compagnia ma che, in fondo in fondo, un bel motorhome in stile Billionaire sarebbe stato il suo habitat naturale!

    Però si sa, la furbizia è la qualità principale dei volponi… gli stessi volponi che – a volte – all’uva non c’arrivano.