Bridgestone F1: bilancio 2007 e prospettive 2008

Bilancio della prima stagione di monogomma e prospettive per il prossimo campionato

da , il

    brf1

    I test di Barcellona appena terminati sanciscono anche l’inizio della nuova stagione. A tal proposito Bridgestone Motorsport ha rilasciato un comunicato stampa nel quale il responsabile dello sviluppo pneumatici, Hirohide Hamashima, ha analizzato questo primo anno di monogomma e delineato le prospettive per il campionato 2008.

    Difficoltà rispetto alla passata stagione

    La più grande sfida è stata il dover rifornire tutti e undici i team rispetto ai cinque dell’anno prima ed assicurarci di offrire un trattamento equo a tutti. Non si tratta solo di fornire le stesse gomme, ma anche le medesime informazioni e lo stesso livello di servizio. Fin dai test pre-stagionali, abbiamo visto che anche alcune squadre rifornite in precedenza dai concorrenti erano competitive e questo andamento è proseguito durante la stagione, per due team in particolare. Questo aspetto del 2007 ci ha davvero soddisfatti.

    Cambiamenti per il prossimo anno

    Anche per il prossimo anno forniremo quattro specifiche diverse, comprese fra gli estremi “hard” e “super soft”, oltre che un prodotto da bagnato ed uno da pioggia battente. Queste gomme saranno generalmente analoghe a quelle del 2007. Dobbiamo naturalmente rivedere tutti i dati fino ad ora raccolti, per provvedere a qualche aggiustamento del caso, ma in questo momento non ci aspettiamo di apportare grosse modifiche alla gamma. C’è una possibilità di modificare la coppia di specifiche proposte in alcuni particolari Gran Premi, ma dovremo comunque rivedere ancora i dati prima di prendere una decisione in tal senso. Ad esempio, le “super soft” non hanno reso come ci aspettavamo in Canada e stiamo considerando la possibilità di modificare questa specifica Per il prossimo anno, oppure decidere di usare su quella pista le specifiche “soft” e “medium”. Inoltre, nel Gran Premio della Turchia abbiamo notato che il livello di sollecitazione sull’anteriore destra è stato più elevato del previsto e per prevenire problemi nel 2008 potremmo decidere di modificare la struttura della gomma per motivi di sicurezza.

    Considerazioni sull’utilizzo obbligatorio in gara di due specifiche diverse

    La regola è stata fatta in funzione dello spettacolo, per far si che le squadre potessero scegliere diverse strategie. La norma ha prodotto una sfida aggiuntiva per noi, così come il marcaggio delle mescole richiesto a valle della industrializzazione del nostri prodotti. Nella gara di apertura della stagione abbiamo provato con un tipo di marcaggio, modificato a partire dalla gara in Malesia. Una volta stabilita la modalità definitiva, abbiamo ricevuto supporto dalla Teranishi Chemical Industry, che ha prodotto un dispositivo di verniciatura che ha reso l’operazione più semplice e veloce.

    L’abolizione del traction control nel 2008

    La regola che abolisce il traction control potrebbe determinare una maggiore differenza dei valori in campo, sia per quanto riguarda i piloti che le vetture, ma dovremo vedere in concerto che tipo di adattamento ci sarà a questa nuova situazione. Non credo invece che la ricaduta sulle gomme sarà rilevante.

    I rapporti con le squadre durante il 2007

    Sebbene non siano state sviluppate nuove gomme nel corso della stagione, i nostri ingegneri hanno trascorso più tempo con le squadre rispetto a prima. Questo è accaduto per la necessità dei team di trarre il massimo dalle gomme e per capire perfettamente come utilizzarle al meglio in abbinamenti alla specifica vettura. E’ stato un lavoro più impegnativo che sviluppare delle gomme specifiche come succedeva in precedenza.

    Lo sviluppo in assenza di concorrenza

    Sebbene non ci sia stata la necessità di far fronte quest’anno a nessun concorrente, ci siamo tenuti impegnati ugualmente in termini di ricerca e sviluppo. La Bridgestone ha due gruppi di lavoro nel Technical Centre in Giappone, uno dei quali tiene sotto controllo tutti gli aspetti legati al fatto di essere l’unico fornitore ed un secondo che esamina gli sviluppi futuri e l’evoluzione dei nostri prodotti per le gare. Siamo fiduciosi che questo approccio ci permetterà buoni risultati nel momento in cui dovesse tornare un regime competitivo.

    Il monogomma

    Ci sono molti vantaggi ad essere l’unico fornitore di gomme in F1. Avendo utilizzato le stesse mescole e le stesse strutture nel corso della stagione, abbiamo goduto di un punto di osservazione migliore per valutare le caratteristiche specifiche dei vari circuiti sui quali siamo stati. Questo è particolarmente vero in termini di tasso di usura e surriscaldamento delle gomme. I dati che abbiamo accumulato quest’anno sono di gran valore per gli sviluppi futuri e per le gare.

    Un bilancio della stagione 2007

    La stagione appena conclusa della F1 è stata molto eccitante per diverse ragioni. Desidero ringraziare tutte le squadre e dire loro che desideriamo offrire un servizio ancora migliore per il 2008. La Bridgestone è impaziente di collaborare nuovamente con tutti il prossimo anno.