Capirex e Suzuki, tutto da rifare

Grande insoddisfazione in casa Suzuki per la gara cinese in cui i due piloti ufficiali hanno ottenuto scarsi risultati

da , il

    Loris Capirossi su Suzuki

    Non è andata bene la domenica cinese per i piloti di casa Suzuki che si sono imbattuti nella sfortuna e negli inconvenienti tecnici che hanno frenato la corsa alla zona punti.

    La nona posizione ottenuta da Loris Capirossi non è un segno di ripresa della moto giapponese, soprattutto se si considera che CapiTrex partiva dalla sesta posizione: un brutto “-3″ dovuto anche ad una imperfezione che ha demoralizzato l’ex pilota desmodromico il quale, a fine gara, ha dichiarato: “E’ difficile considerare questo come un giorno positivo. Ma siamo migliorati molto e se non fosse stato per il mio errore sarebbe potuta andare molto meglio. Non volevo perdere contatto con i piloti di testa e avevo un ottimo ritmo, ma sono uscito di pista e questo mi è costato qualche posizione“.

    Non c’è stato poi più nulla da fare. Riconquistata la striscia d’asfalto, il pilota bolognese non è più riuscito ad agguantare i primi e si è dovuto accontentare di una posizione non soddisfacente e di pochi punti portati a casa.

    Ho poi avuto un problema tecnico – continua Capirex e sono tornato indietro di un paio di posizioni proprio nel finale di gara“. Una brutta circostanza che non ha premiato l’impegno del pilota italiano.

    Anche a causa dell’uscita anticipata di Chris Vermeulen, appare scarsamente soddisfatto anche Paul Denning, team manager Suzuki, che a fine gara ha dichiarato: “La squadra è delusa in questo momento. Ma nel corso del fine settimana abbiamo fatto qualche passo in avanti, sia in qualifica che in gara. I ragazzi possono guardare con fiducia verso Le Mans, e cercare di stare davanti“.

    Un’incitamento a fare bene proprio a Chris Vermeulen, vincitore lo scorso anno proprio sul circuito francese su cui il pilota australiano ha conquistato la sua prima ed unica vittoria in MotoGP.

    Denning si augura una replica anche nel 2008, anche se visto il poker d’assi di questa stagione, racimolare punti per gli altri piloti sembra alquanto difficile.

    Ma non impossibile…