Casey Stoner: e’ tornato il fenomeno del 2007?

Casey Stoner, dopo il breve periodo di pausa, per riprendersi fisicamente ma anche mentalmente, e' tornato il grande campione di un tempo: lo dimostra l'esibizione di domenica scorsa sul circuito australiano

da , il

    Le ultime due gare della Motogp hanno visto il ritorno di un campione che in estate sembrava ormai aver perso molto del suo talento: Casey Stoner. Il pilota australiano e’ tornato in pista dopo il lungo stop con una buona prestazione in Portogallo e una splendida a Phillip Island.

    Ma possiamo dire che il campione e’ tornato? I suoi problemi fisici, del quale alla fine non si e’ scoperto la natura, almeno ufficialmente, sembrerebbero essere superati e le due gare passate ci hanno messo in evidenza un campione tonico e con una grande voglia di vincere. Pero’ bisogna far notare come in questo finale di campionato la pressione intorno all’australiano e’ stata molto minore rispetto a quella di qualche mese fa, e probabilmente anche questo ha aiutato le sue buone prestazioni.

    Ora arriva la gara di Sepang in Malesia, dove le temperature torride saranno un buon esame per le condizioni fisiche di Stoner: “in passato mi sono sempre piaciute le gare al caldo” – ha dichiarato il campione di Borgo Panigale, ed ha aggiunto – “ma l’anno scorso in Malesia ho corso con il polso infortunato e quest’anno ci sono stati i problemi fisici che sappiamo quindi probabilmente è stata una serie di fattori che ultimamente mi hanno fatto soffrire le alte temperature. A Phillip Island però è andata così bene dal punto di vista fisico che mi sento abbastanza fiducioso”.”Sarà sicuramente una gara dura, essere veloci e consistenti in quelle condizioni è difficile a prescindere, trovare la messa a punto giusta è impegnativo, ma è sempre stato così e, più i giorni passano, più io rientro in allenamento quindi ci sono ragionevoli prospettive di essere competitivi in entrambi gli ultimi due appuntamenti di questa stagione”.

    La prossima stagione ci dira’ quanto vale il pilota della Ducati. Nel 2007 ha guidato in modo entusiasmante, ma effettivamente le Bridgestone gli hanno dato una grande man. Nel 2008 ha lottato duramente ma e’ stato superato dal Dottore e dalla sua Yamaha. La stagione 2009 e’ stata segnata dai suoi problemi fisici e magari anche caratteriali. Nel 2010 speriamo di rivedere il campione che ci ha entusiasmato nel passato. In una Motogp cosi’ povera di protagonisti non si puo’ fare a meno di Casey Stoner e della sua Ducati, simbolo della passione e della tecnologia Made in Italy.