Casey Stoner: polemiche per lo sponsor del tabacco

il gruppo attivisti antifumo australiani attaccano Casey Stoner e la Ducati Motogp

da , il

    Fumo esagerato

    Non basta l’incubo di Valentino Rossi che lo sorpassa mentre lui, Casey Stoner, prende la via di fuga strisciando sulla sabbia. Ora ci pensano gli attivisti della campagna antifumo australiani a farlo preoccupare anche di più: l’associazione ha dichiarato guerra al campione del mondo accusandolo di istigare i giovani a fumare, a causa del suo sponsor tabaccaio in bella vista sulla GP8 e sulla sua tuta.

    La polemica non e’ nuova, e sicuramente Casey Stoner non e’ il primo e non sara’ l’ultimo protagonista del mondo delle corse ad essere accusato di pubblicizzare le sigarette. C’e’ poco da fare: sono loro gli sponsor maggiori che si possono permettere di spendere tanti soldi per un posto da protagonista sulla carena della Ducati campione mondiale. Che sia giusto o no, non e’ sicuramente Casey il colpevole di questa situazione.

    Non si puo’ pretendere che la Ducati scelga autonomamente di rinunciare allo sponsor: ci dovrebbe pensare la Dorna a vietare la pubblicita’ in tutti i GP e non solo in alcuni. Ma pensare che la Dorna rinunci ai soldoni e’ un’utopia.

    Il tempo sara’ inesorabile. Con il passare degli anni sara’ inevitabile che in tutto il mondo verra’ vietata, giustamente, la pubblicita’ delle sigarette. Ma finche’ sara’ possibile, e’ inutile prendersela con i piloti che sono, sì protagonisti in pista, ma solo una pedina nello scacchiere gestito dalla Dorna.

    Comunque il pilota australiano ha voluto dire la sua riguardo alla polemica: “credo fermamente che ogni essere umano adulto dovrebbe conservare il diritto di effettuare le proprie decisioni nella vita, se corrette o meno. Io sono felice quando io sono con la mia squadra.” In questa dichiarazione l’ufficio stampa Ducati ci ha messo del suo.

    Poi in fin dei conti cosa dovrebbero dire a Loris Capirossi e Chris Vermeulen che pubblicizzano addirittura le cartine…