Casey Stoner scivola, Valentino Rossi vola a +75 e raggiunge Giacomo Agostini

Valentino Rossi vola a +75 punti nella classifica della MotoGP 2008 e ipoteca il Titolo grazie anche a una caduta di Casey Stoner, e raggiunge uno dei record di Giacomo Agostini

da , il

    E? bastata appena una manciata di giri sul circuito di Misano Adriatico durante il GP di San Marino per mettere fuori gioco Casey Stoner e consegnare le chiavi della vittoria della gara (e del Mondiale?) a Valentino Rossi.

    Terza brutta caduta per Casey Stoner negli ultimi tre appuntamenti del MotoMondiale: una serie di scivolate inaugurata durante il GP americano di Laguna Seca, aggiornata a Brno in Repubblica Ceca, fino ad oggi, sull? ex circuito Santa Monica di Misano.

    Casey Stoner ?Under Pressure??

    Si.

    Questo è il nostro parere.

    Il ragazzo vale, ha un passo impressionante da far allibire Valentino Rossi, dà il massimo per cercare di ricucire il canyon in classifica, non lesina impegno né talento.

    Ma Casey Stoner cade.

    Una caduta che, di fatto e salvo incredibili sconvolgimenti delle prossime gare, consegna il Titolo Mondiale a Valentino Rossi che quest? anno fa della capacità di tallonare Stoner la sua arma vincente.

    Sono cose che succedono nelle gare, queste sono le corse.

    E la caduta non toglie assolutamente smalto alla bravura né ai successi di Casey Stoner. Risultati in prova allucinanti, comportamento in gara sempre solido e corretto, una capacità di imporsi propria solo di alcuni piloti più maturi, il guaio di Casey è solamente la paura di perdere.

    Valentino tallona, nulla di diverso da alcune gare dello scorso anno, né dalla primissima gara di questo Mondiale 2008, cosa è successo, dunque?

    Mentre il pubblico della MotoGP si interroga su questo dilemma, Valentino in completa serenità, vola a raggiungere il mito vivente del Motociclismo Giacomo Agostini.

    ? Sono felice – dice Valentino a fine gara – per i 75 punti di vantaggio che abbiamo recuperato, non abbiamo mai mollato e abbiamo tenuto sempre la testa alta anche quando eravamo in difficoltà. Sono contento di come ho guidato, ad inizio Campionato sapevo che ber battere Casey Stoner ci voleva il miglior Valentino, abbiamo fatto delle scelte difficili e sono contento di avercela fatta. E poi?. E poi raggiungere il grande Giacomo Agostini, che dire? non so che dire! All? inzio sapevo che gli dispiaceva, ma questo week-end l?ho visto molto sorridente ed è stato come se mi avesse detto OK, va bene, puoi prenderlo tu!?

    Passaggio del testimone?