Centraline elettroniche standard in F1 dal 2008: scoppia la protesta dei team contro la McLaren

i team di f1 come ferrari renault e bmw sono contro la centralina elettronica unica della mclaren impoista dalla fi1 e realizzata da microsoft

da , il

    Centraline elettroniche standard in F1: scoppia la protesta dei team contro la McLaren

    Parliamoci chiaro. La McLaren non ha nessuna colpa. Il problema però c’è ed è piuttosto intricato. Non pensiamo a risolverlo qui, speriamo almeno di riuscire a spiegarlo.

    Dunque, dal 2008 le vetture di F1 avranno una centralina elettronica UNICA, standard, voluta dalla FIA per poter meglio controllare gli aiuti che si possono e quelli che non si possono dare ai piloti. Fin qui non ci sarebbe niente di male. Diciamo che il negativo sta nel fatto che si continuano a “monomarchizzare” le vetture di F1 a discapito dello sviluppo e della competizione tra geni ed ingegneri vari. Il positivo – invece – si può riferire ad un maggiore controllo da parte della Federazione sugli aiuti al pilota che, in passato, anche se vietati, venivano introdotti di nascosto senza poter essere scoperti.

    La gara di appalto è stata vinta dalla Microsoft, già fornitrice proprio della McLaren Mercedes. In pratica, quindi, dal 2008 tutte le vetture di F1 avranno l’elettronica del team anglo tedesco.

    Un bel vantaggio, si penserà, per la squadra di Ron Dennis.

    Questo è indubbio ma comuqnue ormai accettato.

    I problemi e le conseguenti feroci proteste, però, sono sorte quando gli altri team – Ferrari, Renault, BMW e Honda in primis – hanno iniziato a provare queste centraline sulle loro vetture.

    Su tutti Flavio Briatore:”Ci hanno dato queste centraline e ci hanno detto di montarle sulle nostre macchine. Va bene, lo abbiamo fatto ma a noi neanche ci si accende il motore. Ditemi voi come possiamo fare a lavorare in queste condizioni. Oltretutto siamo obbligati a scambiare dati e informazioni con tecnici che lavorano nel gruppo di Woking (sede della McLaren, ndr) e, con queste storie di spionaggio industriale che li vedono coinvolti, con quale fiducia possiamo farlo?”

    Sulla stessa linea d’onda anche gli altri reposabili dei team sopracitati i quali lamentano problemi di gestione del motore e dell’acceleratore. Ne è un esempio uno sconfortato e laconico Mario Theissen:“Abbiamo testato la centralina e devo ammettere che vi è una grossa serie di problemi”.

    Le replica di McLaren e FIA non si è comunque fatta attendere. La Federazione con il suo solito grande senso di reponsabilità si è limitata a bacchettare i team in questione ricordando come in F1 ci si opponga sempre a delle novità. Da Woking, invece, hanno tranquillizzato tutti facendo sapere che il reparto dei sistemi elettronici opera in modo indipendente dal team di F1. Basterà questa spiegazione a Mario Theissen! Ad un italiano come Briatore, probabilmente no…