Circuiti F1, cosa bolle in pentola?

Il Gran Premio di Francia potrebbe tornare nel calendario della Formula 1 a partire dal 2011 a patto che venga finalmente trovato un accordo per la costruzione del nuovo tracciato

da , il

    Nelle ultime ore si torna a parlare di un ritorno del Gran Premio di Francia nel calendario della Formula 1 e della possibilità che Silverstone non esca definitivamente dal grande Circus. Facciamo il punto.

    GP DI FRANCIA. Abbandonato definitivamente l’impianto di Magny Cours, la Francia che vuole ancora la Formula 1 si aggrappa alle richieste di Bernie Ecclestone e prova a far sorgere un circuito nei pressi di Parigi. Prima si parla di Disneyland, ma il progetto non va in porto. Successivamente si prova a delineare un tracciato cittadino nel cuore della capitale con esiti altrettanto fallimentari. Infine, viene individuato a Flins-Les-Mureaux, nord est della Ville lumiere, il luogo ideale per costruire un nuovo autodromo. Secondo la volontà degli organizzatori, ci sarebbero i presupposti per rivedere la F1 in Francia già dal 2011.

    PROBLEMI FRANCESI. In Italia è stato organizzato il GP di Roma in pochi mesi. In Francia le cose vanno diversamente. Tra politicanti di varia natura, gruppi ambientalisti e comitati di residenti, ogni zona scelta per far sfrecciare i bolidi della F1 diventa terreno minato. A spiegarlo è Alain Prost:“E? difficile che tutti siano d?accordo all?unisono, ma tempo ed energie si stanno esaurendo. E ci sono troppe persone che alzano la voce senza conoscere a sufficienza la questione. Non voglio fare polemiche ma e’ difficile essere costantemente in mezzo a due correnti: si fara’, non si fara’. E? un atteggiamento tipicamente francese” ha concluso il 4 volte iridato accusando la politica di scarsa dinamicità.

    GP GRAN BRETAGNA. Ecclestone ha tolto l’ospitalità del Gran Premio di Gran Bretagna a Silverstone per darla a Donington. Non che lì le cose vadano per il meglio. Tutt’altro, dato che i lavori di ammodernamento non soddisfano. Ora il patron del Circus potrebbe nientemeno che comprarsi il tracciato inglese che è stato messo in vendita. Alla base delle tante problematiche registrate dalle sedi ospitanti la corsa britannica vi sono scarsi fondi a disposizione, mancato supporto del governo e continui dissidi tra lo stesso Ecclestone ed il British Racing Drivers? Club. Intanto, per questo 2009, la corsa sarà disputata per l’ultima volta a Silverstone. Dopodiché vedremo se saranno rispettati i patti e i team torneranno a Donington. L’ultima apparizione lì risale al 1993 con il GP d’Europa e la memorabile vittoria di Ayrton Senna.