Circuiti Formula 1 2008: Singapore, Marina Bay

video, scheda e commento in anteprima del circuito cittadino di singapore dove si correrà per la prima volta un gran premio di formula 1 di notte

da , il

    Alla scoperta del Marina Bay, altrimenti noto come Circuito cittadino di Singapore! In un tripudio di video virtuali ne abbiamo selezionati due tra i più interessanti: quello tutto effetti speciali della Red Bull e quello che svela il lavoro di preparazione che c’è nel dietro le quinte della Formula 1 grazie ai tanto decantati simulatori. Nella fattispecie siamo nella sede Williams di Grove con Nico Rosberg.

    UNA MONACO ALLARGATA. Prendere un ipermoderno circuito cittadino ed accostarlo al mito di Montecarlo è forse blasfemo ma se si prende il glamour, lo scintillio e si considerano le medie sul giro, non possiamo neanche avvicinare Singapore alle superveloci strade di Valencia. L’aspetto che rende il tracciato unico è l’ampia carreggiata che, in certi tratti, se si escludessero i palazzoni, farebbe persino dimenticare la natura stradale dell’asfalto. A ricordarcelo, invece, sono le curve cieche, qualche strettoia di troppo e vie di fuga che, pur buone, non hanno nulla a che spartire con quelle delle piste tradizionali.

    LE STRADE. Per il momento sono nomi senza significato. Chissà che tra questi, però, non si nasconda una curva destinata ad entrare nella storia di questo mondiale 2008 per una pista che tocca tutti i luoghi più celebri della città stato asiatica. Superata la linea del traguardo i piloti circondano l’area dei box arrivando al Republic Boulevard vicino al Singapore Flyer. Proseguono attraverso il Benjamin Sheares Bridge verso il Raffles Boulevard dove si segnano le maggiori velocità di punta e dove si possono tentare sorpassi nella staccata che porta alla Nicoll Highway. Si affrontano successivamente la Stamford Road e la St.Andrew’s Road. Il tracciato passa sull’Anderson Bridge per poi curvare a sinistra sull’Esplanade Drive vicino al Merlion Park. Si incontra, infine, la Raffles Avenue e un complesso di curve piuttosto lente che, prima di far tornare i piloti sul rettilineo di partenza, li fa passare sotto una tribuna dando al Marina Bay un altro storico primato oltre a quello della prima corsa notturna della storia della F1.

    I NUMERI. E’ il terzo circuito della stagione in cui si corre in senso antiorario. Un giro misura 5.067 metri che, moltiplicati per le 61 volte da percorrere in gara, portano la distanza a 309,087 Km. Le curve sono 23 e vanno affrontate quasi tutte a marce molto basse. La velocità media stimata, pertanto, non dovrebbe superare i 175 km/h.

    Circuiti Formula 1 2008: Singapore

    TRACCIATO NOIOSO? Praticamente tutti i piloti hanno detto la loro impressione in questi giorni. Tra coloro i quali hanno già avuto modo di accantonare il virtuale per farsi una passeggiata sul vero asfalto, alcuni hanno voluto segnalare la severità di alcuni cordoli. Altri hanno giudicato troppo stretta la chicane alla curva 10 ed altri ancora si sono per il momento limitati a descriverlo come deludente in quanto composto da una continua serie di secche curve cieche una di seguito all’altra. Per avere impressioni più concrete, però, dobbiamo aspettare la prima sessione di libere. Certo è che a Valencia si era respirato ben più entusiasmo…