Come andare in moto: i 5 consigli da seguire

Cinque pratici consigli per andare in moto più consapevoli e per adottare uno stile di guida più sicuro.

da , il

    Come si guida una moto

    Tutti i motociclisti hanno speso la prima parte del loro tempo in sella a comprendere le nozioni base del “come si guida una moto”. Saranno arrivati i consigli degli amici e conoscenti, le istruzioni di eventuali istruttori e perchè no anche delle ricerche su internet per imparare almeno la teoria. Noi vogliamo contribuire alla vostra crescita come bikers offrendovi 5 consigli su come andare in moto, anche perchè una ripassata fa bene a chiunque indipendentemente dal grado di esperienza.

    Attenzione al fondo stradale

    Buche stradali

    Purtroppo lo stato delle strade italiane non è delle migliori, con i tratti di asfalto costellati di avvallamenti e buche. Questo genere di sconnessioni può essere molto pericoloso per gli utenti delle due ruote, perchè tende a compromettere la stabilità di marcia. Attenzione costante, quindi, a dove andate a “mettere le ruote” e ricordate di impugnare saldamente il manubrio per evitare movimenti bruschi.

    Attenzione nei centri abitati

    Moto nel traffico

    Il bello di cavalcare un mezzo a due ruote è quello di riuscire, almeno in parte, a bypassare il traffico. Bene, questo atteggiamento però potrebbe avere un risvolto molto pericoloso se non si è attenti: i pedoni. Quando le auto sono incolonnate i pedoni tendono ad attraversare in modo più distratto, poichè (quasi) sicuri che nessuno possa passare. In questo caso bisognerà porre estrema attenzione e soprattutto non guidare mai troppo vicini al marciapiede.

    Attenzione durante i sorpassi

    Sorpasso TIR

    Quando si sorpassa un’auto, ma soprattutto quando sorpassiamo del pullman o dei TIR, lo spostamento d’aria potrebbe creare qualche difficoltà. Passare di fianco ad un veicolo di grosse dimensioni, che quindi sposta una massa d’aria piuttosto grande e la devia alla sua destra ed alla sua sinistra, ci fa entrare in una scia ad impatto laterale: è un effetto che normalmente viene avvertito anche con l’auto, ma con una moto è amplificato perchè ha un peso complessivo minore ed è più facile da “scaraventare” a lato. Attenzione quindi a prendere le dovute distanze in fase di sorpasso.

    Attenzione allo sporco in curva

    Curva con asfalto sporco

    Come le leggi della fisica insegnano è necessario piegare la moto per riuscire ad affrontare una curva. Poichè le ruote sono solo due bisogna fare attenzione ad un particolare: che l’asfalto della curva non presenti dello sporco. Basta un po’ di ghiaia, delle foglie, residui di pioggia per far perdere aderenza ad una o entrambe le ruote. Occhio!

    Adottare una guida pulita

    Guida pulita in moto

    Solitamente le moto, così come tutti i veicoli, non digeriscono di buon grado una guida sporca e nervosa. A meno che non siate piloti provetti e stiate cercando il tempo sul giro in circuito, una guida non lineare e pulita può portarvi solo a scompensi dell’assetto con relative reazioni improvvise da parte della moto, che richiedono una capacità di controllo ben più alta rispetto alle stesse che si possono verificare adottando uno stile di guida meno impiccato. Cercate di impostare bene le traiettorie già ad inizio curva, così non avrete bisogno di correggere, frenate quanto necessario (e ricordate: sempre meglio frenare un po’ in più che un po’ in meno) e non aprite il gas troppo presto.