Come non andare in moto: le 5 cose da non fare

Quali sono i comportamenti da evitare in moto? Ecco alcuni esempi che potranno aumentare la sicurezza su strada

da , il

    Ora vediamo cosa non fare quando si va in moto. I comportamenti scorretti in moto sono all’ordine del giorno, e questi sono volontari e coscienti o meno. Creare e crearsi un pericolo quando si è in moto aumenta in modo esponenziale i rischi per la salute e la sicurezza di tutti, perchè la moto è difficilmente governabile in determinate situazioni e, soprattutto, è per ovvi motivi nettamente più instabile. Quali sono, allora, alcuni dei comportamenti da evitare? Ve ne diamo qualche esempio!

    Non impennare

    Che i motociclisti siano in parte anche esibizionisti è cosa risaputa, ma a tutto c’è un limite. L’impennata è una manovra non particolarmente sicura in strada, dove le variabili in gioco sono molte di più rispetto ad un circuito chiuso (sconnessioni dell’asfalto, altre auto, pedoni…) e soprattutto sono imprevedibili. Evitate, soprattutto in città!

    Non forzate le pieghe

    Più una curva si affronta velocemente e più è necessario piegare la moto per permettere di “chiuderla”. A volte addirittura ci si piega più del necessario per “farsi ammirare” in questa spettacolare manovra, ma è davvero necessario? Rischiare una caduta per un po’ di sporco sull’asfalto, magari a grande velocità, è un qualcosa che si vuole ampiamente evitare soprattutto perchè le conseguenze possono essere nefaste durante la scivolata. Perchè, dunque, non osare solo in pista dove ci sono anche le vie di fuga?

    Rispetta i limiti di velocità

    Sembra una paternale, ma non potevamo esimerci dal farla: dovete rispettare i limiti di velocità. Con le moto moderne, soprattutto le supersportive con potenze che quasi raggiungono i prototipi da corsa, trovarsi oltre i limiti è un attimo, ma bisogna stare attenti. Tecnica vuole che anche gli impianti accessori siano dimensionati, come i freni, ma i riflessi del pilota restano sempre gli stessi, e ci sono velocità alle quali basta una frazione molto piccola di secondo per fare danni…

    Attenti ai pedoni

    Girare in città con la moto permette di avanzare nel traffico, ma questo comporta un pericolo in più: i pedoni. Sgusciare tra le auto deve essere fatto a velocità molto bassa e, soprattutto, occhio quando si passa nei pressi di autobus o tram perchè una persona potrebbe spuntare all’improvviso da dietro.

    Mantenete le luci sempre efficienti

    Dato il ridotto ingombro della moto è già più difficile da individuare, di notte, rispetto ad un’auto, ma se poi l’impianto di illuminazione presenta dei problemi si può incorrere in seri pericoli. Gli stop, i fari, le luci di posizione e le frecce devono essere sempre efficienti per poter comunicare agli altri utenti della strada la propria esatta posizione, scongiurando incidenti che potrebbero portare a spiacevoli conseguenze. A casa, o meglio ancora sotto la sella, ricordate di conservare una lampadina di riserva per ogni tipo adottato dalla vostra moto, così da sostituirla immediatamente in caso di necessità.