Da subito problemi al box Fiat-Yamaha: Valentino Rossi e Jorge Lorenzo si scornano

Da subito problemi al box Fiat-Yamaha: Valentino Rossi e Jorge Lorenzo si scornano

da , il

    valentino rossi, jorge lorenzo

    In Yamaha non possono dire che non glie l’avessero detto.

    La nuova convivenza tra Valentino Rossi, pluri-iridato campione italiano, e Jorge Lorenzo, capriccioso enfant terrible della quarto di litro, si sta rivelando da subito “cosa imposssibile”.

    L’idea di mettere due galli nello stesso pollaio non sembra esser stata geniale, almeno in queste prime battute di pre-campionato, vista la profonda crasi che già si è creata tra i due.

    L’impressione è quella che Jorge, che non ha nulla da perdere in questo suo debutto nella classe regina, giochi psicologicamente con Valentino, ostentando una calma serafica dietro cui nascondere armi taglienti.

    Valentino Rossi, invece, sembra non essere così tranquillo, non tanto dal punto di vista del team-mate (forse addirittura un pò snobbato dal campione di Tavullia) quanto dal cambio di fornitore di pneumatici che, almeno in questi primi test, non si sarebbe rivelato ottimale per la sua nuova M1.

    Insomma, più che “fratelli di sangue”, questi due il sangue se lo stanno facendo acido già da adesso, a campionato non ancora iniziato.

    Avevamo già anticipato fuoco e fiamme tra i due piloti, e adesso c’è qualcosa in più!

    La cosa ancor più tragica in questa vicenda è che la diatriba non è canfinata nei microcosmi personali dei due piloti, ma sembra starsi espandendo a macchia d’olio ai collaboratori del due team.

    Non è nuova, infatti, la notizia che il celebre telemetrista di Valentino Rossi, Matteo Flamigni, sia entrato casualmente nel box di Lorenzo, e sia stato subito allontanato da Daniele Romagnoli, team manager del pilota, neppure avesse la lebbra.

    Più che scintille, di cui avevamo già parlato nell’articolo riservato alla presentazione della nuova M1 a Torino, qui sembra già esser scoppiato l’incendio.

    Jorge Lorenzo, poi, non pensa neppure a buttar acqua sul fuoco, anzi lancia all’aria parole al benzene: “Non so se Rossi è rimasto innervosito dai risultati di Sepang. Io di certo al posto suo non lo sarei anche se non mi piacerebbe molto questo risultato essendo un campione di alto livello. La cosa certa è che a Valentino non fa piacere vedermi davanti a lui, ma questo non è un problema mio. Del resto il mio principale avversario è Stoner. Lo vedo più forte di tutti. E’ capace di rifilarci tra il mezzo secondo ed i sette decimi al giro con molta facilità e questo dipende molto da lui e non dalla moto. Se non ne siete convinti, andate a vedere dove sono gli altri tre piloti che guidano una Ducati…

    Caro Jorge… attenzione a gridare troppo e troppo in fretta…