Dani Pedrosa:”Lorenzo alla Honda non è un problema”

Dani Pedrosa, in virtù della sua rivalità con il connazionale Jorge Lorenzo, commenta con velata ironia, il probabile passaggio di quest'ultimo alla Honda

da , il

    Dopo l’inaspettata vittoria all’ultimo Gran Premio degli Stati Uniti 2009 e le chiacchierate voci di un imminente passaggio del connazionale Jorge Lorenzo alla Honda, anche Dani Pedrosa ha voluto commentare il probabile cambio di moto del pilota maiorchino.

    Molti sapranno che la rivalità fra i due centauri iberici ci riporta agli spiacevoli incidenti dei gran premi di Germania e del Giappone del 2005. Per i tanti appassionati che sottovalutano questa antica inimicizia, basti pensare che, l’anno scorso, dovette intervenire addirittura Juan Carlos, il Re di Spagna, per far stringere la mano ai due piloti sul podio della corsa di Jerez de la Frontera.

    Con le succitate premesse, risulta davvero difficile immaginare una convivenza pacifica tra i due giovani contendenti spagnoli, anche se le dichiarazioni di Dani, lasciano ipotizzare uno spiraglio di pace:”Non credo che Lorenzo possa essere un problema, ma ad ogni modo le cose in Honda stanno diversamente”.

    In realtà, Daniel, è molto più intraprendente di quanto la sua timidezza esteriore lascia intravedere e nelle successive dichiarazioni, sollecitate dalla provocazione di un arguto giornalista, lancia un vero e proprio attacco al “famoso muro” che divide il box Yamaha di quest’anno: “Il muro nel team Yamaha c’è perchè è stato Rossi a volerlo”

    A dire il vero queste affermazioni vengono giustificate dal fatto che, se il pirata Lorenzo dovesse approdare alla Honda nel 2010, si potrebbe creare un team separato e supportato dallo sponsor Telefonica. Questa ipotesi risolverebbe i problemi di condominio dei due acerrimi nemici ispanici, anche se la soluzione più probabile parla di un avvicendamento con l’italiano Andrea Dovizioso, direttamente nel team Repsol.