Dani Pedrosa si ritira dalla MotoGP 2015, i momenti chiave della sua carriera

Dani Pedrosa si è ritirato dalla MotoGP 2015 per un guaio fisico. Ecco i momenti chiave della carriera del pilota spagnolo della Honda HRC.

da , il

    Pedrosa esulta

    Daniel Pedrosa si è ritirato momentaneamente dalla MotoGP, il campione spagnolo soffre di un problema al braccio che non gli permette di gareggiare ad alti livelli. Per il pilota della Honda HRC non sono valsi a nulla i controlli e le cure post operatorie fatte nell’ultimo periodo e da qui la decisione drastica di una ‘pausa forzata’. Nel paddock della MotoGP, come sempre accade in questi casi eccezionali, è già partito il toto-sostituto. In molti sognano di poter correre l’intera stagione a bordo della Honda ufficiale. In attesa di scoprire le prossime mosse della scuderia giapponese su chi sarà il prescelto, ecco i momenti clou della carriera del campione spagnolo.

    Esordio

    Correva l’anno 2001 quando un giovanissimo Dani Pedrosa venne scelto dalla Honda per gareggiare nella Classe 125. Lo spagnolo rispose presente e nel suo primo anno collezionò 100 punti frutto di due terzi posti, un quarto e un quinto posto. Quel giovanissimo ragazzo dimostrò subito di saperci fare e da quella stagione in poi ebbe diversi successi personali che lo hanno portato fino a conquistare più volte il titolo mondiale.

    Prima vittoria

    Nel 2002, nel suo secondo anno nella Classe 125, arrivò la prima vittoria in carriera. Lo spagnolo riuscì ad Assen a tagliare il traguardo davanti a tutti. In quella stagione conquistò anche il Gran Premio del Pacifico e di Valencia. Tre vittorie e terzo posto nel Mondiale. La sua escalation era evidente e nel 2003 si presentò al grande pubblico come il grande favorito per la vittoria del Mondiale della Classe 125.

    1° Titolo Mondiale

    Dani Pedrosa non ci mise molto a capire come funzionavano le moto e nel 2003 conquistò il titolo mondiale della Classe 125. In quella stagione lo spagnolo dovette saltare le ultime due gare per infortunio ma questo non gli precluse di laurearsi campione del mondo. Il suo titolo arrivò grazie a 5 vittorie e 223 punti iridati.

    2° Titolo

    Nel 2004 la Honda decise di portare Pedrosa nella Classe 250. Il pilota rispose presente e vinse di nuovo il titolo mondiale. Il feeling con la categoria fu subito incredibile tanto da vincere 7 gare e conquistare 13 podi complessivi. A fine stagione decise di restare nella Classe 250 per ritentare di vincere il titolo.

    3° titolo consecutivo

    Pedrosa mantenne le promesse e nel 2005 vinse, per il terzo anno consecutivo, il titolo di campione del mondo. Lo spagnolo vinse 8 gare dimostrando di essere il miglior pilota della categoria. Il suo salto in MotoGP a fine stagione fu più che meritato visto il suo talento e classe dimostrata nelle 250.

    Prima vittoria in MotoGP

    Nel Gran Premio della Cina del 2006 arrivò la prima vittoria nella classe regina del motociclismo. Nella sua prima stagione nella MotoGP conquistò anche il Gran Premio della Gran Bretagna e nel complesso otto podi. Chiuse la stagione al quinto posto finale grazie a 215 punti iridati.

    Titolo sfiorato nel 2012

    In nove anni di MotoGP non è mai riuscito a vincere il titolo anche se in più occasioni ci è andato molto vicino. Secondo posto finale nel 2007 e 2010, terzo nel 2008, 2009 e 2013. Il rammarico più grande per Pedrosa è probabilmente il campionato 2012. Pedrosa perse il titolo per 18 punti in favore di Jorge Lorenzo. In quella stagione il pilota della Honda vinse più gare rispetto a quello della Yamaha ma per lui furono decisivi dei ritiri.

    Ultima vittoria

    Se Dani Pedrosa non dovesse più rientrare nel mondo della MotoGP, l’ultimo suo trionfo resterà quello di Brno del 2014. Lo spagnolo riuscì a fermare l’inarrestabile cavalcata di Marc Marquez. In totale Pedrosa ha disputato 230 Gran Premi vincendone 49 vittorie e conquistando 135 podi a dimostrazione della sua costanza di rendimento.

    Ritiro

    Dani Pedrosa ha deciso, dopo il Gran Premio del Qatar 2015, di dire ‘basta’. Il problema al braccio che lo attanaglia da diverso tempo non lo fa guidare come vorrebbe. Per questo motivo ha deciso, almeno momentaneamente, di allontanarsi dalle gare per curarsi. In molti sperano in suo ripensamento ma sembra che la decisione sia definitiva. Il mondo delle due ruote perde un grande talento.