Davide Brivio: Ora o mai più?

Davide Brivio, team manager Fiat Yamaha, fa alcune considerazioni sulle strategie di gara di questo Campionato 2008 e getta le basi per la vittoria Yamaha nella MotoGP di quest'anno

da , il

    Davide Brivio in Yamaha

    Mancano ormai poche, pochissime ore al semaforo verde del GP di Cina sulla pista di Shangai, per il quarto appuntamento stagionale con la MotoGP 2008.

    Un appuntamento che si rivela quanto mai importante per le sorti dei piloti di punta del Campionato di quest’anno che, a questo punto, dopo tre gare che hanno visto una successione incredibile di primi posti e una conferma indissolubile nella categoria “pole position”, dovranno iniziare a fare due conti e vedere dove puntare e cosa voler raggiungere.

    Casey Stoner, Valentino Rossi, Daniel Pedrosa e il neo-arrivato Jorge Lorenzo sono i quattro nomi che, al momento, sono in testa al Campionato e che presumibilmente potrebbero temere (e a cui potrebbe nuocere maggiormente) il distacco dalla vetta.

    Abbiamo sentito le parole di Davide Brivio, team manager del team Fiat Yamaha di Valentino Rossi, a proposito delle strategie della squadra e dell’enorme significato della gara cinese per tutto il team: “È un risultato fondamentale e molto importante perchè arrivato in uno dei circuiti considerati difficili per noi. Siamo venuti qui con l’idea che sarebbe stata una gara difficile, quindi finire sul podio è incoraggiante. Il campionato è lunghissimo – ha aggiunto Davide Brivio, sfortunatamente memore del triste risultato della scorsa stagione sul circuito dei draghi – Ci sono ancora 15 gare e arriveranno appuntamenti in cui non dovremo difenderci, ma potremo attaccare. Inizieremo dalla Cina, lo scorso anno fu una grande battaglia tra Valentino e Casey, ma sfortunamente il nostro motore non era abbastanza performante. Quest’anno il nostro motore è molto più veloce, e le Bridgestone hanno vinto la gara lo scorso anno quindi credo che per la prima volta in questa stagione potremo attaccare”.