Dovizioso-Ducati è ufficiale, il forlivese: “Felice ed eccitato della nuova avventura”

da , il

    andrea_dovizioso

    La voce era nell’aria fgià da tempo, ma ora finalmente è arrivata l’ufficialità: Andrea Dovizioso correrà con la Ducati per le prossime due stagioni. Il forlivese farà coppia con l’americano Nicky Hayden, che ha rinnovato il contratto prima del weekend di Laguna Seca. Tutti contenti qundi: Rossi, Dovizioso e Ducati. I dettagli del nuovo contratto non sono ancora stati resi pubblici, si sa solo che Andrea ha firmato un biennale. Le news comunque non tarderanno ad arrivare.

    Dopo che la Ducati aveva perso Valentino Rossi come pilota si era subito parlato di un interessamento da parte della casa di Borgo Panigale al pilota numero 4 di casa Yamha, ovvero Andrea Dovizioso. Andrea in questa stagione non ha mai nascosto di puntare a una moto ufficiale per la stagione 2013, inizialmente sperava di continuare a guidare per la casa di Iwata andando a sostituire Spies al fianco di Jorge Lorenzo, ma dopo che la Yamaha ha scelto di tornare a puntare su Valentino Rossi, il forlivese si è visto costretto a guardarsi nuovamente intorno per cercare una sella libera.

    Si è presto reso conto che aveva solamente due alternative: rimanere ancora nel team Yamaha Tech 3, oppure andare a prendere il posto di Rossi nel team Ducati, aderendo di fatto al progetto Audi. Il Dovi ha ammesso che crede di poter far bene con la Ducati, ammettendo però che in questo momento le condizioni tecniche della desmosedici non sono ottime.

    Ma oramai non è tempo di voci dette e subito ritrattate, visto che questa stagione sta volgendo al termine, quindi anche le trattative arrivano quasi subito all’ufficializzazione come è avvenuto anche in questo caso, con l’annuncio dell’ingaggio di Andrea Dovizioso come pilota per due stagioni.

    AP/LaPresse

    Ecco ora il comunicato stampa con cui la Ducati ha ufficializzato l’ingaggio di Andrea Dovizioso per le stagioni 2013/2014: “L’accordo siglato con Dovizioso, conferma l’interesse prioritario dell’azienda nelle competizioni, parte attiva e strategica del DNA e della tradizione Ducati. – ha commentato il Presidente Gabriele Del Torchio – Con grande piacere do il benvenuto ad Andrea, ribadendo il nostro massimo impegno nell’affrontare il Campionato Mondiale MotoGP. Insieme a Nicky Hayden, con il quale abbiamo già rinnovato l’accordo di collaborazione, siamo certi che potremmo proseguire con il nostro programma di sviluppo, competere e ottenere risultati e gratificazioni che ripagheranno i nostri sforzi e la fiducia che partner, sponsor e tifosi non hanno mai smesso di dimostrarci. Le doti di sensibilità tecnica e di collaudatore che caratterizzano Andrea sono un grande valore, così come il suo talento e la sua determinazione – ha aggiunto Filippo Preziosi, Direttore Generale Ducati Corse – Averlo in squadra, e sapere di poter contare anche sulla sua collaborazione, rappresenta un ulteriore stimolo per proseguire nella crescita e nello sviluppo del nostro progetto MotoGP. Sono contento che abbia deciso di far parte della nostra squadra, conscio del lavoro da fare ma con entusiasmo e fiducia, requisiti fondamentali per raggiungere il successo e competere in questo impegnativo campionato iridato”.

    Ora quindi anche l’azienda di Borgo Panigale si dice entusiasta di questo accordo raggiunto fra le due parti, come d’altra parte aveva fatto precedentemente Dovi nelle dichiarazioni post-gara a Indianapolis quando aveva espresso la fiducia che riponeva in questo martimonio tutto italiano nonostante i precedenti non abbiamo mai portato a risultati sperati, basti pensare alle stagioni in rosso di Marco Melandri e Valentino Rossi, mentre Loris Capirossi merita un discorso a parte.

    AGGIORNAMENTO

    Sono arrivate anche le prime parole da Ducatista di Andrea: “Sono felice ed eccitato di far parte del progetto Ducati-Audi. Ho parlato con il presidente Del Torchio e Filippo Preziosi. Mi hanno illustrato il loro progetto e quello che accadrà con l’arrivo di Audi. Da quanto ho visto ci sono tutte le carte in regola per ottenere buoni risultati. Come sta andando Ducati quest’anno lo sappiamo tutti. Ma spero, e sono sicuro che così sará, che il prossimo anno lavorando tutti insieme faremo buone cose. Non posso dire di più perché non ho neanche provato la moto ora come ora”.