Ducati in difficoltà? Arrivano i rinforzi: Troy Bayliss e Max Biaggi

La Ducati pronta ad utilizzare i campioni Superbike per lo sviluppo della GP8

da , il

    livio suppo

    A Borgo Panigale iniziano ad essre preoccupati. Il problema non sono le ultime due prestazioni, non all’altezza delle aspettative del campione del mondo Casey Stoner, ma il fatto che nessun altro pilota oltre all’australiano riesce a raggiungere prestazioni al top. Quindi i vertici Ducati tirano fuori dal cilindro un’idea illuminante: utilizzare l’esperienza di Troy Bayliss e Max Biaggi per lo sviluppo della GP8.

    Il concetto è semplice: se anche i due fuoriclasse della Superbike non riusciranno a fare dei buoni tempi sulla GP8 significherà che solo Stoner può portare la rossa al limite. Sarà molto più probabile che l’esperienza dei due campioni possa dare le indicazioni che i tecnici stanno cercando o almeno qualche consiglio agli altri piloti Ducati della Motogp, che lottano costantemente per le ultime posizioni, su come guidare la rossa per farla rendere al meglio.

    La possibilità della “chiamata alle armi” per Bayliss e Biaggi è stata paventata proprio dai vertici Ducati, per bocca del responsabile progetto Motogp, Livio Suppo:”tre piloti su quattro hanno difficoltà ad andare forte sulla Desmosedici, per provare a migliorare questa situazione dovremmo fare dei test, ma su circuiti del Mondiale, dato che farli su circuiti dove poi non si corre non solo è pericoloso ma anche inutile. Per questo motivo, dato che il regolamento non consente di utilizzare i piloti iscritti al campionato, potremmo utilizzare due piloti esperti che abbiamo già in casa, come Bayliss e Biaggi. Non c’è ancora nulla di definito in quanto a data, luogo, eccetera, ma saremmo stupidi a non giocarci una carta così”.