Ducati: Stoner in forma per il 2010

In occasione dell'incontro annuale della Ducati corse a Madonna di Campiglio, Casey Stoner lancia i suoi propositi per la MotoGP 2010 dichiarando che i problemi fisici e psichici che lo hanno condizionato nel 2009 sono ormai alle spalle

da , il

    Durante la prima conferenza stampa ufficiale della Ducati Corse 2010, Casey Stoner ha parlato dei suoi obbiettivi per la prossima MotoGP 2010. Il pilota australiano della Desmosedici ha dichiarato di sentirsi libero da tutti i problemi fisici e psichici che lo hanno condizionato e bloccato per tre gare nella scorsa stagione della classe regina e di essere pronto a sfidare il campione del mondo, Valentino Rossi, per contendergli l’ambita corona di numero 1 delle due ruote. Tutto questo è avvenuto a Madonna di Campiglio, mentre il preseidente Gabriele Del Torchio invoca ad una vittoria del mondiale della Ducati con un pilota italiano, alludendo al campione di Tavullia della Yamaha.

    Dopo un 2009 pieno zeppo di delusioni, Casey Stoner si sente pronto per sfidare Valentino Rossi nel prossimo Campionato del Mondo MotoGP 2010. Il centaturo australiano durante la scorsa classe regina 2009 è stato bloccato per tre gare a causa dell’insorgere di problemi, la quale natura è ancora tutta da chiarire. Mancanza di sodio, oppure carenza di lattosio, o stress psicologico? Nessuno, pilota e scuderia compresa, ha mai chiarito quale fosse l’entità del problema dell’ex campione del mondo 2007.

    Ma a Madonna di Campiglio, durante il secondo giorno del Wrooom, Stoner ha cominciato una nuova vita sportiva, ma non dimentica i guai che lo hanno funestato nell’ultimo Motomondiale: “lo scorso anno eravamo partiti bene, ma a metà stagione ho iniziato ad avere problemi fisici e su sette/otto dottori solo uno aveva accenato ad una possibile intolleranza al lattosio, mentre tutti gli altri suggerivano un problema mentale. Non potevo avere un problema mentale nel bel mezzo di una stagione che stava andando molto bene!”

    Per il prossimo campionato, sarà importante aver buttato alle spalle tutti i problemi del vecchio anno, perchè se l’australiano vorrà duellare contro Valentino Rossi e Jorge Lorenzo per il titolo iridato 2010, dovrà essere al pieno della forma, senza nessun tipo di calo di concentrazione.

    Ma l’insidia è sempre dietro l’angolo, perchè nello stesso giorno in cui Casey decide di sfidare il mondo, il presidente della Ducati, Gabriele Del Torchio invoca ad un pilota italiano per vincere il campionato e sottolineare l’idea made in Italy degli uomini di Borgo Panigale.

    Una gaffe imperdonabile se si considera la presenza in casa di un talento come quello del giovane australiano, ma del resto l’anno prossimo scadranno i contratti dei principali riders della MotoGP, cioè: Rossi, Stoner, Lorenzo e non ultimo Pedrosa. Per cui, tutto può succedere.

    Il campione del mondo MotoGP 2007, accusa il colpo e prima di congedare i giornalisti presenti ritorna sull’aspetto tecnico della Desmo 2010: “credo di aver avuto questa opportunità anche negli ultimi due anni, ma alcune cose non sono andate per il verso giusto, nell’ultimo test di Valencia abbiamo provato una nuova configurazione di motore e mi è piaciuta subito. Avremo più trazione e saremo capaci di fare meglio con la moto. Ci sono ancora un sacco di cose da provare prima dell’esordio, ma siamo fiduciosi”.