E’ il pilota o le gomme a fare la differenza? Bayliss risponde prima del “ritiro”…

Sono i piloti o le gomme a fare la differenza? Bayliss risponde

da , il

    Troy_Bayliss

    Un problema, un dilemma anzi, che va avanti ormai da tanto tempo.

    Formula 1 e MotoGP, ma anche SBK e campioni del passato e del presente discutono ancora sull’amletico interrogativo che accompagna la carriera di ciascun pilota: La vittoria è merito dell’uomo o della macchina?

    E questa volta, la macchina non è più il motore o il telaio della propria moto, ma le gomme.

    Si aggiunga, inoltre, che ogni gara è diversa e che la corretta scelta delle gomme è fondamentale…

    L’importanza assunta dalle coperture è impressionante: Stoner conquista un Mondiale (anche) grazie alle super-Bridgestone, Valentino scopre che l’erba-voglio esiste e si lascia affascinare dalle gomme del rivale, e così a catena, la danza di pneumatici & co. continua a mietere vittime illustri e a dettare ritmo e risultato di gara.

    Adesso, dopo tanto dibattere, una voce di tutto rispetto si leva dalla SBK.

    E’ quella di Troy Bayliss, asso nella manica del Team Ducati Xerox e in corsa per il Titolo Mondiale 2008, già dalla prossima gara di Assen.

    Assen è una pista che mi suscita emozioni diverse: l’ho amata, odiata o semplicemente vissuta come una pista qualsiasi a seconda dell’effetto che ha poi avuto sulla stagione visto che vi ho vinto o perso dei campionati - ha detto il campione australiano, che ha poi aggiunto – Dato che sarà l’ultima volta che ci corro con la Superbike spero di lasciarla da innamorato! E’ un tracciato che in gara può anche permetterti di temporeggiare qualche giro per valutare la situazione ma dipende molto anche da come sono messi gli altri e dalle condizioni meteo, sempre molto variabili. E’ una pista dove anche la scelta delle gomme può fare la differenza. Spero che tutto il pacchetto della F08 funzioni un pò meglio rispetto a Valencia perchè anche se lì durante il weekend abbiamo fatto notevoli progressi, non mi sono mai sentito totalmente al mio agio“.