Ed è subito Casey Stoner

Casey Stoner, nonostante sia appena tornato all'attività agonistica, centra sul circuito portoghese dell'Estoril un prezioso secondo posto

da , il

    Dopo due mesi di assenza dalle gare per i noti motivi di salute, Casey Stoner ha subito conquistato all’Estoril un buon secondo posto che conferma il suo stato di forma ottimale.

    Il rientro in pista del pilota australiano, dopo la prolungata assenza per tre gare, è stato certamente positivo dal punto di vista della tenuta fisica, infatti, Casey Stoner è stato competitivo dall’inizio alla fine della corsa portoghese dell’Estoril.

    Il centauro della Ducati ha concluso la sua performance lusitana con la seconda piazza, subito dietro allo spagnolo Jorge Lorenzo. In Portogallo, Casey ha immediatamente fatto capire che non è certo il tipo da farsi abbattere da un pò di sodio mancante e dalle sue stesse parole s’intravede la ritrovata tranquillità di correre ai massimi livelli: “nei primi giri forse avrei potuto essere un po’ più veloce ma ho commesso un piccolo errore, la moto è andata un pò larga sul cordolo ed ho perso il piede dalla pedana in maniera piuttosto violenta. Questo colpo ha rotto il perno antirotazione che da li in poi in ogni curva a destra si muoveva facendo scivolar via il mio piede. Dopo un po’ di giri mi sono adattato modificando leggermente la posizione del piede sulla pedana, ma non sono andato più forte di prima. Evidentemente oggi Jorge era davvero troppo veloce: ha fatto una gara fantastica”.

    Il corridore della Desmo16 ha finalmente ritrovato il sorriso dopo il brutto periodo che ha passato lontano dalla sua amata Ducati e da un duello mondiale che ha perso il suo contributo troppo presto. Per l’australiano sarà stata veramente dura, sportivamente parlando, anche il solo guardare Rossi e Lorenzo che lottavano per aggiudicarsi il Motomondiale e che una volta ciascuno finivano regolarmente al tappeto.

    Nonostante una stagione buttata nella spazzatura, Stoner è sembrato particolarmente felice, soprattutto, di ricongiungersi con il proprio team: “è stato bello tornare in questo modo e credo di aver provato che decidere di fermarsi ed affrontare una situazione che fisicamente era diventa insostenibile, sia stata la scelta giusta. E, come ho detto, sono contento per la mia squadra che ha dovuto a sua volta affrontare un periodo difficile. Ma il mio rapporto con la Ducati, costruito in questi tre anni insieme, è sempre stato forte e saldo. Adesso, prima del prossimo Gran Premio proverò a ricominciare ad allenarmi un po’ perchè in questo periodo il mio fisico si è sicuramente ripreso ma i muscoli hanno bisogno di rinforzarsi”.

    Il Canguro della Rossa, adesso, non può far altro che migliorare il suo secondo posto per le restanti gare della Motogp 2009 e la pista casalinga di Philip Island rappresenta un’occasione d’oro per centrare la posta grossa.