Eicma 2008: Agostini fa i complimenti a Valentino Rossi

ospite alla fiera del motociclo a Milano Giacomo Agostini, indimenticabile pluricampione del passato, rende onore al suo successore per quanto riguarda i record: Valentino Rossi

da , il

    Il grande “Ago” pensava che i suoi record fossero inarrivabili, ma sbagliava.

    Dopo tanti anni dalle sue vittorie, e’ arrivato in pista un altro italiano che piano piano sta frantumando i record del pilota bresciano: Valentino Rossi. In occasione della fiera del motociclo Giacomo Agostini ha voluto rendere onore al suo successore che gli ha strappato il record di vittorie nella massima categoria.

    “In merito al record, gli ho fatto i complimenti, ma è un record a cui non ero affezionato: ho vinto 123 gare nel Motomondiale, 15 titoli e 301 gare in assoluto, queste sono le cifre alle quali mi sento legato. Valentino mi ha detto che, se mai dovesse arrivarci, mi chiederà il permesso per potermi sorpassare: mi fa piacere ricevere tanto rispetto da un campione come lui”.

    Per quanto riguarda la prossima stagione della Motogp Agostini non crede che sara’ facile per Rossi riconfermarsi campione: “Valentino ha dalla sua un talento strepitoso ed un’esperienza superiore rispetto ai suoi avversari, esperienza che quest’anno è stato probabilmente il valore che ha fatto la differenza. Ma dimenticarsi Casey Stoner, dopo quello che ha combinato nel 2007, sarebbe un grosso errore. Inoltre, credo che l’anno prossimo scopriremo altri due piloti ad altissimo livello, forse addirittura in grado di insidiare i due favoriti: Andrea Dovizioso e Jorge Lorenzo”.

    Giacomo Agostini e’ molto legato ai suoi record e non passa occasione per ribadire i suoi quasi inarrivabili numeri, tra i quali i 15 titoli vinti in carriera. Ne mancano ancora cinque a Valentino e con questa concorrenza e’ difficile che gli riesca questa impresa. Ma il Dottore puo’ stare tranquillo, il valore di un pilota non si considera solo dalle vittorie, la storia del motociclismo e’ pieno di grandissimi piloti che non hanno vinto tantissimo ma che hanno lasciato la loro firma indelebile nella storia di questo fantastico sport.