Enzo Ferrari: la storia di un mito

Passeremo in rassegna la storia del mito sportivo di Enzo Ferrari e la nascita dell'omonima casa automobilistica italiana di macchina ad alta velocità

da , il

    Enzo ferrari

    In questo nuovo articolo di approfondimento ci occuperemo di uno dei personaggi più importanti della storia della Formula 1, perchè parleremo della nascita di una delle squadre automobilistiche più famose al mondo: la Ferrari. Ma soprattutto ci dedicheremo alla descrizione di una delle figure più interessanti del panorama sportivo: Enzo Ferrari, pilota automobilistico e poi fondatore del celebre marchio del Cavallino Rampante. Passeremo in rassegna le tappe principali della nascita di un mito, simbolo di velocità, sport e naturalmente del rigoroso made in Italy.

    Enzo Ferrari: la nascita di un mito

    Enzo Anselmo Ferrari nasce a Modena il 18 febbraio 1898 e comincia la sua ascesa al mito, nelle vesti di pilota automobilistico. Come tutti ben sanno è il fondatore della Casa automobilistica che porta il suo nome e con il simbolo del Cavallino Rampante, la cui sezione sportiva, la Scuderia Ferrari, conquistò, con lui vivente, 9 campionati del mondo piloti di Formula 1 e 15 totali.

    Ferrari: la scuderia

    La nascita della Ferrari in veste di azienda e di scuderia automobilistica è spesso fatta coincidere con la fondazione nel 1929 a Modena della S.A. Scuderia Ferrari, ma in realtà, la suddetta società non produceva automobili ma preparava e portava in gara quelle dell’Alfa Romeo. Per essere più precisi l’azienda nasce ufficialmente il 1 settembre 1939 a Modena, con la fondazione da parte di Enzo Ferrari della Auto Avio Costruzioni. I suoi primi incarichi sono la costruzione di rettificatrici e parti di velivoli e solo a partire dal 1947 la costruzione di autovetture diventa l’attività principale.

    Rosso Ferrari

    La prima autovettura costruita è stata la Auto Avio Costruzioni 815, nel 1940, mentre la seconda, in soli due esemplari, è la Ferrari 125 S e fu guidata da Franco Cortese, primo pilota e collaudatore Ferrari. Quest’ultima vettura è la prima a portare il nome Ferrari, non però per volontà di Enzo ma per clausole contrattuali che lo legavano all’Alfa Romeo dove precedentemente era stato direttore del reparto Alfa Corse.

    La scalata verso la Formula 1

    La Scuderia aderì al Campionato di Formula 1 nel primo anno della sua esistenza, il 1950, debuttando al Gran Premio di Monaco. José Froilan González diede al team la sua prima vittoria nel GP di Gran Bretagna del 1951, mentre Alberto Ascari ottenne per la scuderia di Maranello, il primo titolo di Campione del mondo l’anno successivo. La Ferrari è l’unico team ad aver partecipato a tutte le edizioni della F1. Nel 1957 la Auto Avio Costruzioni cambia denominazione in Auto Costruzioni Ferrari. Nel 1975 la Ferrari SpA entra a far parte del gruppo FIAT. Nel 1988, alla scomparsa di Enzo Ferrari, il pacchetto azionario diventa per il 90% del gruppo torinese.

    Si chiude così anche questa piccola escursione nella storia del mito Ferrari, che si può integrare con queste interessanti letture:

    Volante Ferrari 2011: tutte le novità

    Maranello Ferrari: come visitare il museo

    Regolamento FIA 2011: tutte le novità