Esordienti 2010: solo la Lotus rimane a galla

Il primo appuntamento del Mondiale 2010 di F1 si è concluso

da , il

    Il primo appuntamento del Mondiale 2010 di F1 è andato, e i team tirano le somme. Se i favoriti non hanno deluso le aspettative, distribuendosi nella classifica dei top ten, per le squadre debuttanti il bilancio della prima gara è stato meno positivo. Portare a termine la gara era l’obiettivo comune di coloro che, per ora, il podio possono solo sognarselo. L’”alternativa” primaria, l’imperativo per puntare alla conquista di un po’ di punti in questa stagione. Delle 3 squadre esordienti però, solo una l’ha spuntata: la Lotus. I due piloti ufficiali, Kovalainen e Trulli hanno portato a termine i 49 giri previsti piazzandosi rispettivamente al quindicesimo e diciassettesimo posto.

    LOTUS F1 RACING. Meglio di niente potremmo pensare noi. Un bilancio positivo invece, secondo chi per mesi ha lavorato come un forsennato per riuscire a schierare in griglia una monoposto che si dimostrasse quantomeno affidabile e riuscisse a passare sotto la bandiera a scacchi. Mike Gascoyne, direttore tecnico della Lotus, si è detto molto orgoglioso di tutto il suo team, che si è impegnato al massimo per il debutto della nuova T127. Dopo il ritiro delle altre due scuderie esordienti, la HRT e la Virgin Racing, la Lotus è stata così l’unica new entry della stagione a sopravvivere alla prima gara, cosa non da poco per dei team che si sono buttati praticamente allo sbaraglio senza test invernali, o quasi, e con una preparazione ben diversa da quella dei veterani del Circus. “Il nostro obiettivo era quello di presentarci come un team professionale, pronto e affidabile. Ci siamo riusciti, ora possiamo lavorare sulla performance” ha dichiarato Gascoyne.

    MIKE GASCOYNE. “Devo dire che non siamo andati poi così male” ha commentato Gascoyne a fine gara. “Il nostro giro più veloce è stato buono e anche il passo in gara era ok se confrontato con la performance di altri piloti. Tagliare il traguardo è già un buon risultato.” Il direttore tecnico del team anglo-malesiano, ritiene che la squadra sia migliorata molto nel corso del primo weekend di gara, per questo il risultato finale è stato decisamente meritato. “Quello che avete visto è il peggio che faremo” ha commentato Gascoyne, che ritiene che la Lotus avrà sempre più successo. “Sappiamo di avere una macchina affidabile ora, e sappiamo di dover aggiungere nuove parti per renderla più veloce, ma questi sei mesi sono stati davvero lunghi…tutti quanti abbiamo lavorato così duramente che questo risultato è stato davvero un sollievo per il team. Specialmente per Tony Fernandes, che ha fatto di tutto per riportare la squadra in F1.” Il prossimo obiettivo della Lotus sarà quello di ridurre nel corso delle prossime gare il gap che li separa dalla Toro Rosso. “Dobbiamo iniziare meglio da subito, con le qualifiche” ha concluso Gascoyne. “La Toro Rosso era davanti a noi e ci separavano solo un paio di secondi. Ora è il momento di concentrarci sui prossimi team da battere.”