Ex Honda F1: test 2009 in vista

La scueria ex-Honda di Formula 1 è ancora alla ricerca di un acquirente ma, secondo le ultime indiscrezioni, potrebbe comunque scendere in pista capeggiata da Ross Brawn

da , il

    Ross Brawn si dice ottimista sullo schieramento in griglia a Melbourne della sua scuderia. E, malgrado le foschissime tinte prese dalla trattativa per la vendita del team da parte della Honda, fonti interne alla squadra spiegano che la vettura 2009 è pronta per debuttare in uno dei prossimi test.

    TEST 2009. Non è chiaro il livello di competitività della monoposto costruita a Brackley. Fatto sta che, se non sarà a Jerez, in molti sostengono si possa vedere in azione la macchina nell’ultimo test invernale di Barcellona. In alternativa, il team potrebbe decidere di effettuare solo uno shakedown nel Regno Unito per concentrare le risorse direttamente nei weekend di gara. Ovviamente dalla fabbrica non arrivano conferme ufficiali ma il rafforzamento della posizione di Ross Brawn fa capire che qualcosa si stia muovendo nella giusta direzione. Più defilata, invece, appare nelle ultime ore la posizione dell’ex team principal Nick Fry.

    ROSS BRAWN. L’ex direttore sportivo Ferrari, appoggiato da alcuni sponsor e piccoli investitori (tra i quali si annovera ancora Bernie Ecclestone) e beneficiando di un aiutino da parte della stessa Honda, dovrebbe essere in grado di capeggiare la nuova scuderia. Non solo, se la monoposto 2009 scenderà in pista per un test pre-stagionale, con molta probabilità si vedrà al volante Bruno Senna. Grazie a quest’ultimo, infatti, è stato possibile racimolare qualche decisivo sponsor per dare vita all’avventura del Circus iridato.

    MERCEDES. Non è un mistero che i propulsori montanti sulle macchine di Senna e Button saranno dei Mercedes. Per la fornitura, quelli della stella a 3 punte chiedono 7 milioni di Euro che Ross Brawn avrebbe già versato su un conto con sede a Stoccarda. Per saperne di più, quindi, adesso non resta che attendere la prima settimana di marzo.

    Foto: www.gpupdate.net