F1 2010, Alonso campione secondo Lauda

Formula 1: Fernando Alonso trova un nuovo supporter nella corsa al titolo iridato

da , il

    niki lauda ferrari alonso

    Niki Lauda quando può spara a zero sulla Ferrari. Il campione austriaco generalmente non è mai tenero neanche con i suoi simili. Se c’è da fare una critica ad un pilota è tra i primi a sbucare fuori con dichiarazioni provocatorie. Celebre è stato il suo tormentone negli anni scorsi “queste F1 possono essere guidate anche da delle scimmie” tanto per far capire come l’elettronica ed il progresso tecnico avessero cambiato la F1 per chi guida. Stavolta, invece, il 3 volte iridato cambia atteggiamento e si lancia in una lode a Fernando Alonso, secondo lui il più pronto per vincere il titolo di campione del mondo di F1 2010.

    NIKI LAUDA. 3 volte iridato, grande protagonista della F1 negli anni ’70 e ’80, Niki Lauda ha incarnato il primo modello di pilota “professionista”, freddo e calcolatore, sempre alla ricerca della perfezione maniacale sia dal punto di vista fisico che tecnico. Questa sua pignoleria non lo ha portato ad avere grandi risultati come team manager ma gli ha consentito di raggiungere bei traguardi in altre attività nelle quali si è lanciato. Su tutte il settore dell’aviazione. Ciò detto, la sua opinione merita sempre di essere ascoltata. Tra i 5 piloti ancora in lizza per il titolo mondiale, secondo Lauda è Fernando Alonso quello che alla fine la spunterà.

    F1 2010. L’ex pilota di Ferrari e McLaren non fa una previsione. Parla con certezza quasi matematica:“Vincerà Fernando! Perché lui è stato due volte campione e non per caso. Oggi è il miglior pilota. Se valuti insieme la velocità, l’intelligenza, la capacità di assumere rischi in modo efficiente per ottenere il massimo risultato sempre, lui è semplicemente il migliore”. Senza una buona macchina non si vincono le gare e da questo punto di vista l’austriaco promuove anche la Ferrari:“Farà di tutto per colmare il distacco dalla Red Bull, loro sanno come si vincono i mondiali”, ha detto in un’intervista al quotidiano Osterreich. Il rivale più temibile per lo spagnolo resta Mark Webber. Tuttavia è da valutare con attenzione il possibile ritorno di Vettel nel ruolo di avversario dello spagnolo ma, paradossalmente, anche di alleato qualora dovesse togliere altri punti al rivale australiano. Discorso a parte lo merita Lewis Hamilton. Il pilota McLaren ha risorse infinite. Ma non siamo ancora riusciti ad inquadrare il potenziale della vettura che Woking gli fornirà nelle ultime 4 uscite. Button resta il meno papabile.