F1 2010: il punto sulle novità regolamentari

Ufficializzato dalla FIA il regolamento sportivo 2010 della Formula 1

da , il

    La FIA ha aggiornato il proprio regolamento sportivo ufficializzando definitivamente le regole più “chiacchierate” del momento come l’abolizione dei rifornimenti e l’introduzione di un nuovo sistema di punteggi che premia i primi 10 classificati e dà 25 punti al vincitore. Inoltre, la Federazione ha inserito altre piccole modifiche su norme che hanno fatto molto discutere nel 2009 come, ad esempio, il divieto totale di effettuare test per piloti che subentrino a stagione in corso e non abbiano mai avuto esperienza in Formula 1 (vedi il caso di Alguersuari con Toro Rosso).

    F1 2010. Le due più grosse novità regolamentari del 2010 riguardano l’abolizione dei rifornimenti ed il nuovo sistema di punteggio. Gli argomenti sono già stati trattati abbondantemente nelle settimane scorse. Qui ci limiteremo a ricordare che dagli inizi della Formula 1 nell’anno 1950 e fino al 1993, l’anomalia è stata poter immettere benzina a gara in corso e non il contrario. Per quanto per i più giovani possa sembrare una novità, per chi ha più di 30 anni è solo un ritorno alla normalità.

    PUNTEGGI. La grande rivoluzione è, semmai, nei punteggi. Abituati a veder andare a punti i primi 6, dal 2003 abbiamo dovuto digerire un punteggio assurdo che non premia affatto la vittoria e dà qualcosa anche ai primi 8. Nulla a che vedere con la trasformazione radicale che ci aspetta nel 2010 quando saranno in 10 ad andare a punti ed al primo ne toccheranno ben 25. 20 al secondo, 15 al terzo e 10 al quarto lasciano praticamente immutate le proporzioni del sistema (10-8-6-5-4-3-2-1). 8 al quinto, 6 al sesto, 5 al settimo, 3 all’ottavo, 2 al nono e 1 al decimo penalizzano un po’ di più chi sperava di fare grandi cose accontentandosi di qualche piazzamento sotto al podio.

    REGOLE F1. Detto dei pezzi grossi, passiamo ai dettagli. Si badi bene, non irrilevanti. Le restrizioni dei test saranno più serrate e i piloti che cambieranno più motori nel weekend avranno penalità aggiuntive. Le nuove regole includono:

  • Nuove modalità di assegnazione delle penalità di tempo a fine gare
  • Riduzione da otto a sei giorni per test aerodinamici
  • I team potranno sostituire i giorni di test aerodinamici con 24 ore di galleria del vento in massima scala
  • I team che sceglieranno di far debuttare a stagione in corso un pilota che non ha mai avuto esperienze in Formula 1 potranno beneficiare di giorni extra di test a patto che vadano in circuiti non facenti parte del calendario della F1
  • Lo spazio dei box sarà equamente distribuito in risposta all’esigenza di dover aggiunere ben 3 nuovi team alla pit lane
  • I team non potranno più utilizzare dispositivi potenziati per alzare le vetture in pit lane
  • Sebbene le termocoperte restino ancora legali, una nuova clausola spiega che gli elementi riscaldanti devono agire solo sulla superficie dello pneumatico
  • I piloti che useranno due motori in più durante il weekend saranno spostati indietro di dieci posizioni in griglia nella gara in corso e in quella seguente
  • Durante la safety car in pista, i piloti dovranno girare non oltre un tempo stabilito dalla commissione gara e che comparirà sul display delle loro auto