F1 2010: la Ferrari spacca i pronostici

Ferrari F10 vettura favorita per la stagione 2010 di Formula 1

da , il

    La maggior parte degli addetti ai lavori crede che sarà la Ferrari la squadra da battere. Gli uomini di Maranello, da Fernando Alonso all’ultimo dei meccanici, passando per Felipe Massa, Stefano Domenicali e Aldo Costa, minimizzano le doti della F10 e sembra vogliano a tutti i costi nascondersi. Dall’esterno, però, cresce la convinzione che, più di McLaren, Mercedes GP o Red Bull, sia la Rossa la monoposto al momento più completa. Uno che non si vergogna a cantare fuori dal coro e crede sul proprio potenziale, comunque, c’è: è Sebastian Vettel.

    FERRARI F10. Fai un rapido giro nei box delle scuderie di Formula 1 durante i test, chiedi a chi passa di lì quale ritenga essere la vettura più in forma del momento e ti ritrovi nove volte su dieci la solita risposta: Ferrari F10. A dichiararlo è la Bild che ha promosso un informale sondaggio tra gli addetti ai lavori e che vede tra i principali sostenitori della tesi rossa anche il pilota campione del mondo in carica Jenson Button, Secondo Auto Motor und Sport, invece, i valori sono più equilibrati con McLaren e Red Bull altrettanti temibili. Fa meno paura la Mercedes GP che, nonostante Schumacher, patisce qualche problema di troppo al posteriore che si trasforma in un comportamento non facilmente domabile in frenata.

    SEBASTIAN VETTEL. Chi va controcorrente e non ha voglia di provocazioni facili è Sebastian Vettel. Il vice campione del mondo 2009, crede molto nelle potenzialità della propria Red Bull e non vuole pensare ad una Ferrari nettamente sugli scudi:“E’ ancora presto per considerare le Ferrari davanti”, ha ammesso agli austriaci del Salzburger Nachrichten. Secondo il ventiduenne, in Bahrain ci sarà grandissimo livellamento de i valori in campo.

    FERNANDO ALONSO. Un altro che predica cautela e prevede equilibrio è Fernando Alonso. L’asturiano, letteralmente entusiasta della Ferrari F10, sembra parli più per scaramanzia che per reale convinzione. Dopo due stagioni catastrofiche in Renault, il basso profilo ci sta tutto. “Red Bull, McLaren e Renault sono andate forti e hanno scoperto le loro carte, mentre noi le stiamo ancora nascondendo”, ha ribadito ancora una volta. “Se fossi in un’altra squadra starei osservando con attenzione la Ferrari perché finora tutto ha funzionato al meglio”, ha aggiunto dando appuntamento a Barcellona quando anche la Ferrari, dotata degli ultimi aggiornamenti tecnici, andrà a cercare la prestazione pura.