F1 2010: la McLaren invita la FIA a Woking

Ancora mistero intorno alla nuova MP4-25 della McLaren e al suo fantomatico alettone che, secondo Red Bull e Ferrari, sarebbe stato concepito in modo non conforme al regolamento ufficiale

da , il

    Ancora mistero intorno alla regolarità dell’alettone McLaren. Dopo gli ultimi test di Barcellona infatti la MP4-25 era diventata oggetto di dicussione da parte di Red Bull e Ferrari che avevano fatto notare come la parte posteriore della vettura fosse stata concepita in modo da contribuire a tenere fermo l’alettone, permettendo così una resa molto migliore alle alte velocità. Christian Horner, boss della scuderia austriaca, insieme agli uomini di Maranello aveva chiesto alla FIA di indagare sulla presunta irregolarità della monoposto, e la McLaren in tutta risposta aveva fatto sapere di non essere a conoscenza di alcuna indagine a riguardo, dichiarando che non ci fosse nessuna violazione al regolamento.

    MCLAREN. Martin Whitmarsh, capo reparto del team di Woking, ha parlato invece di un’ala semplicemente innovativa, dichiarando di essere stato in contatto con Charlie Whiting, direttore tecnico della FIA, per diversi mesi proprio per assicurarsi che il progetto fosse conforme alle regole. Nella giornata di venerdì la FIA ha deciso di fare luce sulla questione, ispezionando la MP4-25 e placare quindi gli animi prima dell’inizio ufficiale della stagione 2010, al via il 14 marzo in Bahrain. La McLaren, confidente nella regolarità del proprio progetto, ha confermato che Whiting è stato invitato al quartier generale della scuderia inglese per tutti i controlli necessari. “Non abbiamo preoccupazioni in merito a questa questione,” ha dichiarato al Daily Telegraph un portavoce della FIA “ma siamo comunque stati invitati a Woking per controllare di persona”.

     MP4-25. Martin Whitmarsh, team principal di McLaren, si aspetta che Whiting confermi al più presto la regolarità della MP4-25, dichiarando al Telegraph che la sua squadra già in precedenza aveva messo le mani avanti, cercando chiarimenti da parte della FIA ancora in fase di progettazione della vettura. “L’alettone è certamente diverso da quello delle altre monoposto e presenta un design rivoluzionario, ma per diversi mesi siamo stati in costante collegamento con Whiting per assicurarci che il design non fosse in contrasto con quanto stabilito dalle regole, e ci è stato assicurato che era perfettamente conforme” ha dichiarato Whitmarsh.

     Un buco nell’acqua da parte di Red Bull e Ferrari o realmente la McLaren si è fatta prendere un po’ troppo la mano su questo design così innovativo? La parola spetta solo alla FIA, a noi non resta che sperare che la questione venga chiarita al più presto, così poi nessuno avrà da ridire sull’eventuale superiorità della monoposto.