F1 2010: la Red Bull punta già in alto

La Red Bull Racing ha svelato solo poche ore fa la sua nuova monoposto per il Mondiale 2010 di F1 e il pilota titolare Mark Webber si dichiara già fermamante convinto dell'estrema competitività della vettura

da , il

    A poche ore dalla presentazione della nuova RB6, svelata questa mattina sul circuito di Jerez de la Frontera, in occasione del secondo dei 4 appuntamenti in programma prima del via al Mondiale 2010 di F1, Mark Webber dichiara che la monoposto di Red Bull Racing ha tutte le carte in regola per assicurarsi il titolo iridato in questa stagione 2010. Secondo Webber, che questa mattina è sceso in pista per testare la nuova vettura, il team di Milton Keynes è consapevole dell’impegno necessario per migliorare ulteriormente la prestazione della stagione passata e raggiungere i propri obiettivi.

    RED BULL RACING. Anche per questo la scuderia austriaca non era presente ai primi test della scorsa settimana a Valencia, preferendo impiegare maggior tempo allo sviluppo della monoposto. Come per la maggior parte dei team, le aspettative della Red Bull per la stagione 2010 sono alte e nessuno ha intenzione di fare passi indietro rispetto a quanto conquistato nel 2009, anzi. Per questo, ha proseguito poi il pilota tedesco, è necessario che ogni cosa sia al posto giusto e il team si è impegnato duramente cercando di fare il miglior lavoro possibile.

    RB6. In merito alla monoposto, Webber ha poi parlato dell’evoluzione che la nuova RB6 ha avuto rispetto alla vecchia RB5: il design della stagione passata è stato per tutti un punto di riferimento, anche se la forma era stata compromessa dalla questione del doppio diffusore. Sebbene in molti si siano ispirati alla vettura 2009, il nuovo design sviluppato dal progettista Adrian Newey, rappresenta un punto di vantaggio su quanto fatto dagli altri team. Essere stati di esempio per lo sviluppo del concept della monoposto di Red Bull anche sulle altre vetture è chiaramente un fiore all’occhiello per Red Bull e, secondo Webber, la monoposto di quest’anno è perfettamente in grado di combattere per il primo posto ad ogni gran premio.

    CHRISTIAN HORNER. Dopo il pilota titolare è stata la volta del team principal Christian Horner, che si dichiara soddisfatto della maturazione del team e che ha confermato gli importanti sviluppi fatti a partire dalla stagione 2009, prevedendo anche lui una lotta serrata per il titolo, anche grazie alla lezione dell’anno scorso che ha permesso di sviluppare la vettura nel corso della stagione e di migliorare l’affidabilità della stessa durante l’inverno. Secondo Horner i team da tenere maggiormente sotto osservazione saranno Ferrari, McLaren e Mercedes GP, che schierano vetture e piloti molto competitivi.

    La Red Bull Racing mostra i denti ed è fiduciosa nel lavoro svolto e nel talento dei suoi piloti…a questo punto non vediamo l’ora che la sfida abbia inizio!