F1 2010: la Renault vuole un posto in prima fila

A pochi giorni dall'inizio del Mondiale 2010 di F1, anche la Renault è pronta a combattere per il podio

da , il

    Manca davvero pochissimo. Dopo un mese all’insegna di test, indiscrezioni, corse frenetiche per arrivare a schierare le monoposto sulla griglia di partenza e ultimi ritocchi alle vetture, i team sono finalmente pronti per accendere i motori e dare il via al Mondiale 2010 di F1. Per il primo appuntamento della stagione, in programma questo weekend sul circuito di Sakhir (Bahrain), le squadre hanno già le idee chiare. Se l’obiettivo principale dei team debuttanti sarà quello di portare a termine la gara, i veterani del Circus puntano invece al podio per inaugurare con il piede giusto la nuova stagione.

    RENAULT F1 TEAM. Eric Boullier, nuovo team principal della Renault, è fiducioso che la sua squadra sarà tra le favorite in occasione del primo appuntamento del Mondiale. La nuova R30 del team francese non si è distinta particolarmente nel corso dei test invernali, dove le condizioni atmosferiche non sempre favorevoli hanno condizionato i preparativi in vista della stagione 2010. Nonostante questo però, Boullier si è detto soddisfatto dell’andamento generale dei test e della performance della monoposto. “Se lasciamo da parte il tempo, che sicuramente non ha aiutato, devo dire che nell’insieme la nostra preparazione è andata bene. Abbiamo avuto qualche problema tecnico, il che è abbastanza normale durante i test invernali, ma la monoposto ha risposto positivamente, dimostrando di essere affidabile. Sicuramente si può imparare molto in condizioni di bagnato, ma non c’è la stessa possibilità di spingere la macchina fino al limite come invece accade sull’asciutto.”

    TEST F1. Anche secondo Boullier i test non sono stati una passeggiata per i team, sia per quanto riguarda la raccolta di dati, sia dal punto di vista della comprensione del lavoro svolto dalle altre squadre, a causa dei diversi carichi di benzina. La scuderia di Enstone, ha scelto di girare sempre con la vettura a pieno carico, giudicando questo il modo ideale per capire al meglio e potenziare la monoposto. A conti fatti quindi, secondo Boullier la R30 sarà perfettamente in grado di combattere insieme ai migliori per aggiudicarsi la prima gara della stagione.

    ROBERT KUBICA. Al volante della R30 ci saranno l’ex pilota di BMW Sauber, Robert Kubica, ed il giovane esordiente russo Vitaly Petrov. “Considerando il tempo limitato che abbiamo avuto a disposizione con i test, mi sento pronto. Ho imparato molto in questi mesi e ci sono ancora delle domande alle quali dobbiamo trovare una risposta, ma abbiamo ottenuto delle buone informazioni durante i test e cercherò di trarre il massimo ad ogni giro” ha dichiarato Kubica. “Non è semplice giudicare la performance, ma stiamo comunque andando nella giusta direzione. Inoltre, non abbiamo ancora corso con tutti i nuovi aggiornamenti e in vista della prima gara ci sarà un’ulteriore aggiunta aerodinamica che speriamo ci permetta di perfezionare la prestazione. Dando uno sguardo alle altre squadre, sembra che tutti i “grandi” siano molto vicini tra di loro, anche se penso che alcuni si siano limitati durante i test e abbiano in serbo ulteriori aggiornamenti per il Bahrain. Direi che Ferrari e Mercedes sembrano davvero forti.” Il pilota polacco ha proseguito confermando l’obiettivo principale della squadra, così da poter affrontare al meglio questa lunga stagione 2010. Consapevole del gap con cui il team ha concluso la stagione 2009, Kubica crede che per poter allineare la R30 alle monoposto dei maggiori rivali, sarà necessario concentrarsi sulla performance e svilupparsi il più velocemente possibile.

    VITALY PETROV. A concludere le dichiarazioni in casa Renault, è stato colui che si appresta ad essere il primo pilota russo nella storia della F1: Vitaly Petrov ha dichiarato di non essere assolutamente nervoso per il suo debutto, dal momento che le corse sono il suo mestiere e che sa come fare. “Certamente in F1 le cose sono diverse e sto ancora imparando molte cose sulla vettura e su come si lavora con il team” ha commentato Petrov, “ma mi sento in forma e non vedo l’ora di cominciare!”