F1 2010, Mark Webber: dobbiamo essere costanti

Costanza

da , il

    mark_webber

    Mark Webber, attuale leader in classifica del campionato mondiale di F1 edizione 2010, sa che al ritorno dalla pausa estiva la costanza in pista risulterà un elemento fondamentale. L’australiano della Red Bull, dopo l’exploit in Spagna e a Monaco, aveva subìto una battuta d’arresto e lasciato strada a Lewis Hamilton e alla McLaren. Ma ora che ha ripreso il comando, Webber sa bene che per continuare a rimanere davanti agli avversari non sarà più possibile perdere nemmeno un’opportunità, anche se è convinto che la Red Bull sarà competitiva anche nelle prossime sette tappe in programma.

    RED BULL RACING. Con la quarta vittoria stagionale, messa a segno nell’appuntamento all’Hungaroring, Webber è ritornato al comando e al momento guida la classifica piloti con 161 punti, ma il gap con gli avversari alle sue spalle non è ancora sufficiente per dormire sonni tranquilli. Categorico sul fatto che il team di Milton Keynes non sarà in difficoltà sui circuiti che ospiteranno le prossime gare, ma altrettanto consapevole che la presenza costante nelle prime file risulterà cruciale per la vittoria finale. “Quest’anno abbiamo visto che la macchina è stata performante su gran parte dei tracciati, per questo ci auguriamo di proseguire in questa direzione”, ha dichiarato Webber tramite una video intervista dalle pagine del suo sito web. “Singapore, Suzuka, Brasile e Abu Dhabi: per queste tappe possiamo stare tranquilli; siamo un po’ preoccupati solamente per i lunghi rettilinei di altri tracciati, e forse Monza, ma la RB6 è davvero forte quindi direi che possiamo stare tranquilli”.

    MARK WEBBER. Sarebbe bello vincere a Spa – prima tappa in programma dopo la pausa estiva –, a Suzuka e qualche altro appuntamento: dobbiamo concentrarci sulle gare in cui non siamo troppo “ferrati” e dove io stesso non mi sento sufficientemente a mio agio”. Webber ha quindi confidato che gli piacerebbe riuscire a mettere la firma su alcune gare in particolare, anche se l’importante sarà risultare vincenti in tutti gli appuntamenti: “Quest’anno sono già riuscito a centrare alcuni dei miei obiettivi, il che è straordinario, ma la stagione non è finita e ci sono altri appuntamenti in cui mi piacerebbe essere protagonista. Ad ogni modo, ogni gara assegna al vincitore 25 punti: per noi è importante non lasciarsene sfuggire nemmeno uno”.