F1 2010: McLaren dietro alla Ferrari?

Il campione del mondo in carica Jenson Button si mette a guardare la concorrenza e dopo aver ammesso che la sua McLaren ha ancora qualche difetto, descrive la Ferrari F10 come la miglior macchina al momento in circolazione

da , il

    Gufata cosmica di Jenson Button o sagace osservazione? Il pilota campione del mondo in carica della McLaren parla di quanto visto fino ad ora durante le tre settimane di test e descrive una Ferrari F10 in grande forma. Secondo l’inglese la creatura di Maranello, nelle sapienti mani di Fernando Alonso, si ritaglierà un ruolo di protagonista all’avvio della stagione 2010 di Formula 1. Discorso diverso per Michael Schumacher che, sempre stando alle parole di Button, ha qualche problema nel tenere a posto il retrotreno della sua Mercedes GP.

    JENSON BUTTON. La sua avventura in McLaren non è partita benissimo. Mentre Fernando Alonso girava con la Ferrari già al primo giorno come se fosse un pilota in rosso da anni, il campione del mondo con la Brawn GP faticava a trovare la giusta posizione nell’abitacolo della MP4-25. Poi, nell’ultima settimana di test a Jerez de la Frontera, svolta e chiusura col botto: Button è stato l’unico a scendere sotto il muro del minuto e 19 secondi. Suo è il miglior tempo mai fatto registrare in Andalusia con le monoposto in configurazione 2010. “Noi abbiamo una buona macchina, dobbiamo ancora migliorare in alcune aree ma nell’insieme sono contento della mia vettura”, ha riferito ai giornalisti al termine del test.

    MCLAREN-FERRARI. Tutto bene, allora, in casa McLaren? Sì e no. La nuova macchina cresce bene e fa molto parlare di sé per le audaci soluzioni al retrotreno dove giganteggia l’impressione che, in termini di doppio diffusore, sia stato fatto un lavoro veramente importante, tale da massimizzare in modo perfetto quanto consentito dal regolamento. Jenson Button, però, in maniera speculare a quanto fatto da Alonso nei confronti delle vetture di Woking, ammette temere e molto le Ferrari:“Ho visto una Ferrari molto forte. Vedendoli oggi in pista si nota quanto siano consistenti i loro giri in ogni situazione. È sempre interessante guardare dove sono gli altri”, ha dichiarato. “La Ferrari sembra buona e molto consistente - ha aggiunto - La Mercedes mostra ancora qualche problema nel retrotreno, ma se sono sui 150 chili di carburante è comprensibile”. Se la Ferrari ammette che il punto debole, al momento, è il giro secco, per la McLaren c’è ancora molto da lavorare sui long run.

    .