F1 2010: primi problemi per la nuova Virgin

Anche la terza sessione di test a Jerez de la Frontera si è conclusa e i team si trovano a dover fare i conti con i vari problemi riscontrati alle vetture

da , il

    Anche la terza sessione di test ufficiali si è conclusa. Il prossimo appuntamento sarà a Barcellona, dal 25 al 28 febbraio, per l’ultima prova prima del via al Mondiale 2010 di F1. Team e piloti in questi giorni si trovano a fare i conti con i problemi rilevati nel corso degli ultimi test. Per le squadre debuttanti i test invernali rappresentano un primo step sicuramente più impegnativo, visti anche gli enormi sforzi in termini di reperimento delle risorse necessarie per essere presenti al via con delle monoposto se non competitive ai massimi livelli almeno “funzionanti”.

    VIRGIN RACING. Nick Wirth, direttore tecnico di Virgin Racing, si è lamentato dei problemi di affidabilità della vettura, che hanno caratterizzato l’ultima sessione di test a Jerez, limitando il lavoro del team. La nuova VR-01 ha infatti avuto diversi problemi idraulici. Timo Glock e Lucas di Grassi hanno così portato a termine solamente 144 giri. Diversa sorte invece per un’altra delle scuderie esordienti, la Lotus, che al suo debutto a Jerez ha concluso 315 giri; Jarno Trulli ha ne ha messi a segno 141 solo nell’ultima giornata. Tutti altri numeri invece per i “grandi” del Circus: la Ferrari dall’inizio dei test invernali ha coperto 1,235 giri…ma forse qui siamo su di un altro pianeta.

    NICK WIRTH. “È stata una settimana sicuramente molto costruttiva”, ha dichiarato Wirth. “Nonostante abbiamo fatto del nostro meglio per sistemare il problema idraulico che non ci ha abbandonato per l’intera durata dei test, non era possibile risolvere la questione con i componenti che avevamo a disposizione sul campo. Perdevamo olio con una frequenza tale da limitare il numero di giri che eravamo in grado di fare ad ogni uscita.” Sebbene Wirth ha ammesso che i pochi giri effettuati hanno rallentato la loro tabella di marcia, il direttore tecnico di Virgin si dichiara ottimista e sicuro che il team riuscirà a trovare una soluzione prima del prossimo appuntamento sul Circuito di Catalunya. “Per i prossimi test intendiamo avere a disposizione i componenti necessari, in modo da aver risolto completamente il problema. Ora abbiamo bisogno di continuare a focalizzarci sull’affidabilità della monoposto, dal momento che in Bahrain vogliamo introdurre le nuove specifiche aerodinamiche.”

    VR-01. Nonostante le difficoltà di quest’ultima settimana, Wirth ha fiducia nella nuova vettura, la VR-01 e sostiene che questa possiede un passo sufficientemente competitivo per stare dietro agli altri team. “C’è una nota positiva in mezzo a tutto questo: abbiamo fatto un buon lavoro in preparazione delle gare, ed è gratificante vedere che il potenziale della vettura con il set-up minimo cambia o si sviluppa, tenendo a mente che abbiamo girato con un buon carico di benzina. Nessun tempo è stato raggiunto con un serbatoio carico come in qualifica, per questo non dobbiamo preoccuparci che degli aspetti negativi mettano in discussione quello che è comunque un inizio incoraggiante del nostro programma di sviluppo.”