F1 2010, Sebastian Vettel: basta errori

Archiviato il gran premio del Belgio i piloti puntano al prossimo appuntamento a Monza

da , il

    Dei cinque pretendenti al titolo iridato 2010 solo in due sono sopravvissuti al weekend del gran premio del Belgio. E se Fernando Alonso si è autoeliminato, Sebastian Vettel non solo ha portato a termine una gara senza arte né parte, ma ha anche messo fine a quella del campione in carica Jenson Button, che insieme all’altro britannico della McLaren era pronto a portare a casa la quarta doppietta stagionale. Capitolo chiuso: il tedesco, dopo le scuse a Button, pensa a non commettere più errori e il britannico è carico per la prossima gara a Monza.

    SEBASTIAN VETTEL. A inizio stagione 2010 Sebastian Vettel sembrava uno dei maggiori candidati al titolo 2010 ma, dopo l’entrata in scena del compagno di squadra Mark Webber, il giovane tedesco ha cominciato a perdere terreno nei confronti dei rivali anche a causa di una serie di errori. Vettel perseguitato dalla sfiga? Vettel ancora immaturo per il titolo e sotto pressione per l’ascesa di Webber? Vedremo cosa accadrà da qui alle ultime gare, per ora il biondino di Heppenheim si dichiara pronto a lasciarsi alle spalle gli errori commessi di recente e risponde con filosofia agli attacchi della stampa in merito alla sua immaturità sportiva. Parlando con il magazine Auto Bild Motorsport, Vettel ha dichiarato come le critiche siano all’ordine del giorno in Formula1 e di come riuscirà ad uscire da questo momento difficile e tornare ad essere il talento che tutti conoscono. “La Formula1 è un grande spettacolo”, ha commentato il pilota della Red Bull. “Se tutto va bene sei il migliore, se invece commetti un errore, e la gente non sa bene il perché, facilmente diventi subito un idiota. La cosa più importante è che io so come stanno le cose. Sono stato onesto e ho ammesso i miei errori in Ungheria e a Spa. Non sono di certo orgoglioso di quello che ho fatto, ma farò di tutto perché non accada di nuovo e per essere un pilota migliore”.

    JENSON BUTTON. E l’ha presa con filosofia anche il campione del mondo in carica Jenson Button, che dopo essersi visto buttare fuori da Vettel nella lotta per il secondo posto a Spa, ha deciso di lasciarsi alle spalle il brutto episodio e guardare avanti: primo obiettivo, il prossimo gran premio di Monza, dove Button sente che la McLaren sarà di nuovo protagonista. “A Spa di certo poteva andare meglio e in ottica mondiale ho perso dei punti importanti, ma sono determinato a tornare a combattere per il titolo nella prossima tappa a Monza. Il nostro passo in Belgio era estremamente incoraggiante: abbiamo sviluppato la macchina molto velocemente e ogni volta impariamo qualcosa di più. Sono ottimista. In Italia riusciremo a mantenere questo trend positivo”.

    LEWIS HAMILTON. Gasato anche l’attuale leader in classifica e ansioso di trionfare sullo storico tracciato brianzolo. Non è un segreto la mia voglia di vincere a Monza. È un circuito incredibile, pieno di storia. Quando corri lì c’è qualcosa di particolare che non ho mai trovato da nessun’altra parte. È una pista che ti spinge ad arrivare fino al limite. Non vedo l’ora di incontrare i tifosi italiani, sono un pubblico davvero appassionato”.