F1 2010: team a caccia di sponsor

Quasi tutte le vetture di F1 che prenderanno parte al Mondiale 2010 sono state svelate in occasione della prima sessione di test ufficiali in programma sul circuito Ricardo Tormo di Valencia

da , il

    La prima delle 4 sessioni ufficiali di test prima del via al Mondiale 2010 di F1 è giunta alla sua ultima giornata. Sul circuito Ricardo Tormo di Valencia sono scesi in pista quasi tutti i team che prenderanno parte alla stagione ormai alle porte e, dopo le presentazioni ufficiali delle vetture e dei piloti, dopo i primi giri e le prime impressioni, ci si chiede quale futuro attenda i team abituati ad essere gli storici protagonisti del Circus.

    In questi tempi di crisi anche i grandi piangono e se da un lato scuderie che hanno fatto la storia della F1 come Ferrari, Mercedes e McLaren, si presentano all’appello con le spalle coperte, a meno di 2 mesi dal via c’è ancora chi, pur figurando nella lista dei team ufficiali, rimane in attesa di concludere i contratti con gli sponsor, condizione sine qua non per sopravvivere in mezzo ai giganti e sostenere gli ingenti investimenti previsti per ogni stagione. Sotto i teli scoperti in questi ultimi giorni, le monoposto di Renault e Sauber sono state letteralmente messe a nudo: la livrea del team francese scarseggiava visibilmente in sponsor, mentre quella del team svizzero ne era completamente priva. Giusto un po’ di colore (giallo e nero) per Renault ed un asettico bianco e nero per la monoposto della scuderia di Peter Sauber, tornata interamente nelle mani del suo fondatore a fine stagione 2009.

    RENAULT Per il team di Enstone, lo scandalo di Singapore del 2008 ha influito pesantemente sulla perdita degli sponsor più importanti (ING, Mutua Madrilena, Pepe Jeans, Universia e Megafon) che garantivano l’apporto di cifre consistenti per sopravvivere in F1. Gérard Lopez, businessman nel settore delle nuove tecnologie che ha recentemente acquistato il team di F1, ha comunque dichiarato che ci sono trattative in corso e che la squadra non ha nessuna intenzione di abbandonare il campo in futuro. Inoltre, l’ingaggio del pilota russo Vitaly Petrov ha portato in dote 15 milioni di euro.

    BMW SAUBER Il team svizzero invece ha dovuto fare i conti con il ritiro dalle attività sportive di F1 da parte di BMW, con un conseguente taglio al budget del 40%. Peter Sauber ha ammesso l’impossibilità della scuderia di poter proseguire i prossimi anni senza uno sponsor e al momento resta anche lui in attesa di vedere concretizzarsi alcuni accordi.

    Cosa dobbiamo aspettarci quindi per le prossime stagioni? Monoposto anonime e irriconoscibili o addirittura un Mondiale senza i veterani della F1?