F1 2010, Vettel divide: titolo (non) meritato!

Formula 1: il sondaggio di fine stagione divide i tifosi di F1

da , il

    sondaggio vettel f1 2010

    Il nostro sondaggio sulla stagione 2010 di F1 dice che Vettel ha meritato il titolo mondiale. Anzi no. Anzi sì. L’indecisione regna sovrana e alla fine si chiudono le ostilità tra i supporter del tedesco della Red Bull e Fernando Alonso con un clamoroso 50-50 percento. Mentre lo spagnolo della Ferrari viene indicato dai team di F1 come il più bravo dell’anno, il dibattito resta aperto sul nuovo campione del mondo in carica: è stato il più forte di tutti oppure è stato solo quello che, nonostante guidasse una macchina fortissima, ha faticato fino all’ultimo GP per imporsi?

    SEBASTIAN VETTEL. Il risultato del nostro sondaggio sui meriti di Vettel nel mondiale 2010 di F1 si chiude con un secco 50% a favore del sì ed un altro 50% a favore del No. Dalla parte del tedesco pesa la superiorità mostrata in qualifica e, più in generale, in termini di velocità assoluta. A sfavore c’è un elenco lunghissimo di errori/regali fatti agli avversari e la concreta superiorità della Red Bull rispetto al resto della concorrenza. Proprio per questo Alonso ha ottenuto il riconoscimento di pilota dell’anno. Lottare alla pari, sfiorare il successo finale pur avendo una Ferrari tanto inferiore è stata un’impresa che alla lunga sarà ricordata.

    F1 2010. Espresse le opinioni, passiamo ai numeri. Qui Vettel non teme rivali. Ovviamente il giovane di Heppenheim ha ottenuto più punti di tutti. Se il numero di vittorie e di piazzamenti sul podio è lo stesso di Alonso, il discorso cambia guardando il potenziale sul giro secco. Il pilota Red Bull ha segnato ben 10 pole position contro le sole 2 di Alonso e le misere 5 di Mark Webber che guidava il suo stesso missile. Proprio l’australiano durante l’anno ha beccato in media un distacco di 5 centesimi al giro. Esatte e pungenti le parole del suo team principal, Christian Horner:“Se Sebastian non avesse avuto tanta sfortuna, avrebbe vinto nove gare”, ha ricordato con orgoglio.