F1 2011, Alonso: Ferrari obbligata a vincere

Formula 1: Fernando Alonso parla della seconda parte della stagione 2011 della Ferrari e spiega che la scuderia italiana ha l'obbligo morale di puntare a vincere anche se la situazione è compromessa

da , il

    fernando alonso ferrari stagione 2011 vincere

    Fernando Alonso spiega che la Ferrari ha un unico obiettivo in questo finale di stagione 2011: vincere. Per il pilota spagnolo la questione va vista in questi semplici termini: se ti chiami Ferrari, hai l’obbligo morale di onorare la stagione fino all’ultimo, cercando sempre di primeggiare:“Dobbiamo cercare di vincere quante più gare possibile. Siamo realisti e sappiamo che la situazione nel campionato è quella che è ma abbiamo visto tante volte che si possono verificare dei ribaltoni. Poi siamo la Ferrari e abbiamo l’obbligo morale, soprattutto verso i milioni di nostri tifosi sparsi in tutto il mondo, di pensare sempre al massimo traguardo”.

    FERRARI. Il team principal Stefano Domenicali ha dichiarato che la Ferrari continuerà a sviluppare la monoposto del 2011 fino a settembre, dopodiché, a meno che non arrivino clamorosi ribaltoni, il lavoro si concentrerà sul 2012. “Non possiamo mica dire che faremo otto gare senza avere il mondiale in testa: un occhio all’iride lo terremo sempre – ha aggiunto Fernando Alonso - almeno fino a quanto ci sarà una minima possibilità. Certo, noi dobbiamo cominciare a vincere e dobbiamo sperare che Vettel faccia qualche errore o che abbia dei problemi.” Va precisato che, sebbene Maranello staccherà la spina sul progetto 150 Italia, questo non impedirà alla vettura di beneficiare fino a metà ottobre del piano di aggiornamenti già concordato.

    FERNANDO ALONSO. Il prossimo appuntamento in calendario è il Gran Premio del Belgio sul mitico circuito di Spa-Francorchamps. Lì Fernando Alonso non è mai salito sul gradino più alto del podio:“A Spa non ho mai vinto in Formula 1 e sarebbe bello riuscirci poi c’è Monza, che è speciale e mi piacerebbe risentire quelle sensazioni incredibili provate l’anno scorso”. Il pilota spagnolo fa il punto della situazione analizzando gli otto appuntamenti che restano da qui a fine stagione:”A Singapore ho già vinto due volte ed una terza sono salito sul podio: una gara magica per me. Vincere a Suzuka è bellissimo per la natura della pista e in Corea l’ho già fatto quindi il bis sarebbe il benvenuto così come sarebbe bello scrivere il mio nome nella prima riga dell’albo d’oro del Gran Premio dell’India. Abu Dhabi? Beh, lo sapete tutti che mi piacerebbe cancellare dei brutti ricordi legati a quella pista… E in Brasile ho vinto entrambi i miei titoli iridati!”