F1 2011, Australia: piloti minacciano lo sciopero!

Formula 1 2011: i piloti minacciano uno sciopero contro le nuove regole che rendono la guida troppo pericolosa

da , il

    piloti f1 sciopero

    Sciopero dei piloti di Formula 1 durante il Gran Premio d’Australia, prima tappa del mondiale 2011? Il rischio è sventolato dai responsabili della GPDA, l’associazione dei piloti di F1, vale a dire gente come Sebastian Vettel, Felipe Massa e Rubens Barrichello. Sarebbe il colmo, quindi, che dopo il Bahrain saltesse anche quello d’Australia. In realtà, la loro minaccia non fa paura a nessuno ma serve per sensibilizzare l’ambiente del Circus sui problemi di sicurezza che portano le nuove regole volute per aumentare lo spettacolo.

    SCIOPERO PILOTI F1. A parlare è Sebastian Vettel. Lo fa ovviamente in qualità di campione del mondo in carica ma anche di rappresentante della Grand Prix Drivers’ Association. Tra ala mobile posteriore e Kers, il pilota di Formula 1 è troppo distratto per guidare al meglio, con la massima concentrazione ed in massima sicurezza. “La cosa piu’ importante è che i piloti siano uniti – ha detto il biondo della Red Bull al MirrorSe tutti siamo d’accordo su qualcosa possiamo essere molto potenti. Potremmo dire ‘Ok, non corriamo’. Cio’ non significa necessariamente che sciopereremo – ha precisato Vettel - Proveremo prima a trovare una soluzione con la FIA”.

    GP AUSTRALIA F1. Il clima rovente attorno al Gran Premio d’Australia non è dato solo dalle proteste dei piloti. Ci sono anche grossi punti interrogativi attorno al futuro della corsa di Melbourne. Secondo Bernie Ecclestone, questa potrebbe essere l’ultima edizione:“Probabilmente elimineremo due gare per far posto ad Austin e Russia – ha anticipato Mr. E. – L’Australia dice che non vuole una gara. Se vogliono uscire possono farlo”. Ecclestone ha ricordato che il contratto tra la F1 e Melbourne scade in realtà nel 2015 ma che non sarebbe per lui un problema interromperlo prima. Il boss del Circus ha anche avvisato lo Spagna:“Due gare sono troppe, devono fare come in Germania dove c’è alternanza tra Hockenheim e Nurburgring”.